ULTIM'ORA

Errore fidarsi del 2-0 all’Espanyol ma il Nizza…

C_29_articolo_1166633_upiImgPrincipaleOriz

di Paolo Paoletti - Guai a ritenere vero il 2-0 all’Espanyol. Perchè è arrivato con 2 su calcio piazzato.
E perchè come tutti sanno – potrei raccontare esperienze dirette vissute da dirigente – le partite di presentazione al sono sempre una festa sopratutto per l’avversario di turno.

Come arriva il al preinare di Champions?
Un pareggio contro il (1-1), una scontta con l’Atletico di Madrid (2-1), una contro i bambini del Bayern Monaco (fuori Neuer, Hummels, Muller, Lewandoswky, Robben e per 70′ Ribery!), ancora un pareggio con gli inglesi del Bournmonth (2-2), la con l’Espanyol. Fate voi i conti, tenendo presente che la porta azzurra è stata violata 5 volte in 5 partite!!!

LATI POSITIVI.
1. Mertens in palla e tornato al anche su punizione;
2. Condizione sufciente;
3. Differenza reti di +3.

LATI NEGATIVI.
1. Cinque incassati;
2. Scontta contro il Cholismo e pari contro Maran: ovvero Atletì e , squadre che si chiudono e ripartono;
3. Il nodo Reina irrisolto.

La solita fortuna di De Laurentis presenta un Nizza nella sua espressione più mediocre: Inter e orentina hanno ‘rubato’ due degli effettivi migliori ai rivieraschi, mentre Mertens e salteranno certamente la sda di andata a , chissà se anche il ritorno.
Sarri, quindi, se la gioca contro un avversario molto mediocre, che ha einato l’Aiax pareggiando in trasferta con .
Ma oggi non è più quel Nizza e lo vedremo il 16 agosto.

Mertens dice: “Abbiamo lavorato forte e abbiamo fatto tutto bene per essere pronti in vista del preinare. Siamo pronti per il Nizza. L hanno giocato già una partita di campionato, ma noi ci faremo trovare pronti e abbiamo una grande voglia”.

Il belga c’era anche nel 2014, quando il di fu einato dall’Athletic Bilbao proprio ai preinari. Ricorda…
“Avemmo un po’ di sfortuna, ma ora siamo un po’ più avanti, ci sono tanti giocatori che sono qui da alcuni anni qua. Con l’Espanyol abbiamo fatto due e non ne abbiamo subiti. Potevamo segnare di più, ma va bene”.