ULTIM'ORA

Elliot, no cessioni: garanzie ai 303 mln prestati!

url-22

di Nina Madonna - Elliot irrompe nel closing: difende il valore del prestito e l’esse dei si!

In attesa del 14 aprile sono in atto le grandi manovre e il fondo Usa pretende da Yonghong Lì che il pmo consiglio di amministrazione si impegni a non vendere i big rossoneri: Donnarumma, Bacca, gnoli, Suso.
E’ stato l’essamento per De Sciglio a far scate la molla “ognuno per sè, Dio per tutti”.

La convocazione alle ore 14.30 dell’Assemblea degli azionisti , vede all’ordine del giorno: nomina del CdA, nomina del collegio sindacale, ratica dei componenti del CdA.

La parte straordinaria dell’Assemblea svela i veri essi: modica dello statuto sociale, riduzione dei consiglieri di amministrazione a 6 membri: Yonghong Li, Han Li, il presidente di Haixia Capital Lu Bo, Marco Fassone, Roberto Cappelli e Marco Patuano.

Sulle modiche delle ree di governance fa la voce grossa Elliot, fondo statunitense, che ha già erogato il prestito da 303 milioni al broker asiatico.

La richiesta ufciale è che la rosa non venga svalutata, punto da introdurre nello statuto.
Ogni dovrà essere autorizzata dal fondo anglo-americano che non può depauperare il valore tecnico ed economico del per difendere i 303 milioni prestati.
Dovesse andare via Bacca, i incassati dovranno essere reinvenstiti per un giocatore di grande valore.
Il non c’entra, ma gli americani devono salvaguardare gli investitori del fondo ed i già dati.

Così i rinnovi di Gianluigi Donnarumma e Suso diventano fondamentali.