ULTIM'ORA

Elkann: “Grande futuro oltre Conte”. Parigi, no cara.

AGNELLI: STILE E DESIGN, A TORINO LE AUTO DELL'AVVOCATO

di Antonella Lamole - “La è più forte dei sini, abbiamo un grande futuro anche al di là di Conte”: così il presidente della -Chrysler, John Elkann, sul divorzio tra la ntus e Antonio Conte. “E’ stata una sorpresa. Ma come ha detto lo stesso Conte quando mancano le motivazioni è diffi andare avanti”. Elkann, che oggi ha inaugurato il nuovo centro direzionale a Mirafiori, ha sottolineato la “grande responsabilità” a cui è chiamato Massimiliano Allegri: “Abbiamo grandi cose davanti a noi. Ha una grande responsabilità come qualunque allenatore della , e sente la grande responsabilità”.

Quanto all’attuale fase di mercato, e all’ipotesi di una di Artuto Vidal, Elkann ha risposto: “Il calciomercato è aperto. C’è chi se ne sta occupando molto bene”.Dalle voci, nel giro di qualche ora, si è passati alla secca smentita del diretto essato. Antonio Conte al Psg? Per carità. E’ stato lo stesso ex allenatore ntino, piuttosto irritato dagli ultimi spifferi, a declinare l’invito: “Ho appreso da un quotidiano sportivo, mentre sono in vacanza, di presunti contatti tra un non meglio precisato ‘mio entourage’ e il Psg. Non usufruendo di agenti o entourage, ed essendo la presunta notizia priva di qualsivoglia veridicità, resto stupito dalla facilità con la quale è stata blicata”, il messaggio di Conte, indicato come possibile sostituto di Laurent Blanc, reduce dalla vittoria nella Ligue 1, ma rimasto a secco nella più ambìta Champions.

La prima smentita era però arrivata in mattinata dallo stesso club francese, contattato da L’Equipe. Conte, dopo avere messo assieme tre scudetti consecutivi, ha divorziato dalla ntus, proprio mentre si apprestava a intraprendere una nuova avventura. E c’è chi parlava di ratifica in giornata dell’accordo con il sodalizio parigino. Niente di tutto questo, a sentire l’allenatore leccese. Conte, del resto, non ha mai nascosto la voglia di imporsi a livello nazionale, dopo avere consolidato la propria leadership entro i confini ni. Il nome del tecnico leccese è stato accostato al Paris Saint-Germain, ma soprattutto alla Nazionale azzurra, dopo l’addio di Cesare . La candidatura di Conte per il ruolo di selezionatore è assolutamente attendibile. Per l’ex allenatore della ntus sarebbe la consacrazione di una carriere che, nelle ultime stagioni, gli ha regalato grandissime soddisni e tre scudetti. Tutto dipenderà dal nuovo presidente federale che verrà eletto l’11 , nell’annunciato Consiglio federale. Subito dopo si conoscerà anche il nome del nuovo ct. E Conte, forse un po’, spera.