ULTIM'ORA

Resa di conti: Rafa vinca o sfascia. Fabio sul vendesi.

fabio-cannavaro-diego-326614

di Paolo Paoletti – Nelle mani di un olandese il destino di Benitez! Nei piedi degli azzurri la risposta che tutta Napoli attende: De Laurentis finalmente se ne va?
Kevin Blom, arbitrerà Napoli-Sparta Praga, prima della fase a gironi di , divertissement notturno giovedì dalle 21.05.

L’ è l’occasione per capire tante cose: 1. se la squadra è ancora con Benitez e Benitez con la squadra. 2. se Higuain, Callejon, Albiol, i Rafa Boys sono in grado di dare una sterzata a questa stagione; 3. se il blico vuole dimenticare le malefatte di De Laurentis; 4. se il cinepresidemnte sta veramente vendendo il Napoli; 5. se Benitez e De Laurentis riuscireanno ad arrivare almeno a giugno 2015.

E’ cominciata la bagarre di radiomercato: ora è il momento di Spalletti, poi sarà Mancini, tanti si succederanno. Sentendolo lo Zar toscano fa spallucce, vive da nababbo con i dello Zenit e a San Pietroburgo se la spassa alla grande. Pensa all’Italia, poco a Napoli, resterebbe volentieri in Russia perchè lì pagano bene.
Perchè venire a cacciarsi in un mare di guai sotto il Vesuvio?

Lo Sparta Praga, offre l’occasione per mettere tutto a tacere, almeno per un po’. Basta vincere e i media non-governativi sotterreranno le polemiche. Si fa così.
La vittoria è indispensabile, Higuain e Callejon si diano da fare: a chi conviene questo stillicidio per una stagione a?
Certo a sarà tutto chiaro: dovrà andrà Benitez, che faranno i Rafa Boys, che offerte ha ricevuto De Laurentis al suo vendesi.

La prima è già arrivata da Fabio Cannavaro ed i suoi Arabi dell’Al-Ahli di Dubai. ‘Nisba’, si dice così anche da quelle parti. Dove si fa un buco e si trova l’oro nero ed il calcio è svago per ricchi.
Nisba perchè i 360 milioni che il cinepresidente chiede per marchio + squadra sono una sceneggiatura da film. Ne bastano 200 per tutto, che non accontentano la sete di aureliana.

Ma siamo appena ai primi approcci. Perchè Fabio sarebbe tornato a vivere a Napoli? Il suo impegno da dirigente laggiù termina giugno 2014, ma Cannavaro è già al lavoro, inviato all’Avana-Napoli per scandagliare Aurelio De Laurentis. E per metterci sempre lo zampino da settembre è opinionista Mediaset.
L’unico Pallone d’Oro scugnizzo fa sul serio. Sarebbe una goduria impagabile dopo gli sbarbi ricevuti, la cacciata del fratello Paolo, le pezze a colore con Maradona il quale alla partita della Pace ha già dato disponibilità per salire sul carro di un Grande Napoli!

In Qa la pesca continua. Da giovedì, invece, in Usa De Laurentis andrà a studiare come si fa: ridicolo copiare Pallotta dopo 4 anni che è in Italia con un know-how scontato: prima investire poi incassare. Mentre la Juve è capoclasse dimostrando che è lo Stadium a fare la differenza commerciale.
Aurè arritirati, senti a me! Hai fatto la tua figura con il Grande Progetto. Parole, parole… perchè dovresti trovare denari veri di altri per farti fare ancora il gallo cedrone? Joe Condor vive di nascosto solo a Napoli.

Adesso arrivano i cechi e l’amore come si sa…
Non bisogna crederci troppo però, perchè anche se di sera è più diffi, la del cova giorno-dopo-giorno. E s’arriccia la pelle solo al pensiero di una nuova delusione: chi ricorda la notte con lo Swindon Town?

Alla fine, il Chievo ha fatto un gran piacere, la sveglia ha suonato per chi la vuol sentire.
Benitez mai cone stavolta fa orecchie da mercante, e dice: “non si può vincere sempre 5-0″. Vero come non si può sempre perdere col Chievo!
Come non si può prendere in giro 6 milioni di : lo ha fatto De Laurentis per tutta l’estate.
I conti non tornano a nessuno, ma una volta per uno…ci rimettono sempre i napoletani.

L’Europa di serie B è un fastidio per tutti: pochi , molti calci, troppe partite che non contano nulla e a Udine sarà ancora battaglia. Vale per
calciatori, allenatore, società.
Rafa stempera con il riposo, tutti a casa ed ognuno per sè. Comunque dovrà spiegare che non voleva dire-dare la colpa solo all’attacco e tutti devono sentirsi colpevoli, cioè tutti assolti.
Il ‘gruppo’ è in frantumi: chi voleva andarsene (Callejon e Insigne), chi vuole andarsene (Higuain), chi se ne andrà…molti, quasi tutti che cambi o non cambi il tecnico che ne ha le balle piene.

Higuain, per dare l’esempio, ha fatto solo la prima parte di con ‘il-gruppo’ poi ha ‘riposato’ in palestra.
Ghoulam, recupera (?) dopo la frattura al braccio, lavorando con tutti.
Benitez ha già scelto la formazione ma non la dice: chi subirà il turnover dopo appena 4 partite vere?

Hamsik e Insigne sono candidati alla panchina per De Guzman e Mertens. Inler sente sul collo lo spagnolo Lopez ma ne è quasi felice.
Una mezza rivoluzione di facciata per far tirare il fiato a qualcuno, visto che fin qui di allenamenti veri manco a parlarne.
Qualcuno chiede di mettersi in mostra e qualche altro come Henrique chiede perchè un nazionale brasiliano fa la riserva di un improbabile francese.
Ma se ad uscire sarà Albiol, è il segno che la misura è colma.

Tra Mesto e Maggio non c’è differenza e Zuniga a sinistra gioca per inerzia.
La verità e che in questo Napoli, Gargano può fare perfino il titolare. Benitez se ne è accorto in ritiro, ma De Laurentis sa altrettanto che l’uruguajo a Napoli non ci può e non ci deve se. Sopratutto dalle parti di Castelvolturno…

Che casino, possibile che ‘O Professore sia tutto qui?

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply