ULTIM'ORA

Ecco perchè la Juve fa storia a sè!

usb_4538corr_77334_immagine_obig

di Paolo Paoletti - Il fatturato record pari a 388 milioni di euro, nell’ultimo o della ntus, non è il punto d’arrivo, ma un nuovo trampolino di lancio.
“Dieci trofei in sei anni – scrive il presidente Andrea Agnelli agli azionisti – hanno consentito alla ntus di tornare a sedersi al tavolo dei grandi europei. Il fatturato di quasi 388 mln rappresenta il record storico, ma sarebbe sbagliato pensare di avere completato il lavoro. La ntus deve continuare a crescere”.

Sono 5 anni consecutivi di dominio ntus: non è un film!
Anche concedendo 10 giornate agli avversari, come lo scorso anno…
Sarri ha ragione: la ntus è di altra categoria ma Napoli, Roma, Inter non sanno porre rimedio nonostante abbiamo speso tanto (Napoli e Inter) e la Roma abbia puntato tutto su Spalletti.

STRATEGIE. La ntus quest’anno ha rinforzato l’organico ma togliendo il miglior giocatore sia al Napoli secondo, sia alla Roma, terza. e Pjanic hanno trasformato i bianconeri in un gruppo di cannibali implacabili in Italia.
Bastano 10’- 20’ a partita, a volte meno come ad Empoli, per chiudere la gara gestendo pallone e avversario.

GIOVANI MA TALENTI. Si temeva per il giovane argentino, rivelazione lo scorso anno con 22 gol al primo anno bianconero: i progressi, sopratutto emotivi ed i gol di Dybala scacciano cattivi pensieri. Anche se la sua posizione in campo ancora non convince e deve avanzare ulteriormente per essere letale più vicino a Gonzalo. Paulo sotto porta è tornato sereno e spietato.

ALTRI CHI? La domanda che i 12 milioni di tifosi ntini fanno è: se giocando male, a volte malissimo, ne ha vinte 6 su 7 ed ha già 4 punti di vantaggio sulla seconda, giocando bene dove arriverà?
La sosta sarà utile per recuperare energie mentali, spostandosi su altri contesti e obiettivi. Concederà ad Allegri tempo per riflettere su esperimenti sul sollecitato cambio di modulo che consenta di abbandonare il ’3-5-2′, obsoleto soprattutto in . La facilità con cui vince in Italia non deve distrarre dall’obiettivo che vive della ricerca di una dimensione tecnico-tattica di primo livello anche in campo inter.
Con questa rosa, non basta vincere giocando male e la forza dei singoli: si ha l’obbligo di creare un’identità che porti la a proporsi con la stessa audacia e convinzione in Italia e in , senza differenze se l’avversario si chiama Empoli o Siviglia.

Per ora intanto la capolista si gode la prima mini fuga con +4 sul Napoli, +5 su Roma, Lazio, Milan e e +7 su Inter, Torino e Genoa.
La classifica nota che senza la la lotta scudetto, livellata in ribasso, sarebbe imprevedibile ed emozionante.
Quindi ha ragione Sarri: la fa un a parte.

, competenza, potere, arbitrale, mentalità, ambiente?
Di tutto un po’… ma perchè gli altri no?