ULTIM'ORA

I soldi Champions: 12 mln + premi punti + market pool!

1666917_w2

di Bianca Latte – La UEFA ha adottato un nuovo sistema di distribuzione stagioni 2015-2018 in stretta collaborazione con la European Association (ECA). Per la prima volta, tutte le somme relative alle 2 competizioni verranno centralizzate, con un rap di distribuzione tra Champions League e League ssato a 3,3:1.

Appiattita la differenza tra i 2 tornei visto che nel ciclo 2012-15 le somme erano separate e non suddivise con un rap sso, e le partecipanti all’ League avevano ricevuto 1 euro ogni 4,3 euro destinati alle squadre di Champions League.

CHAMPION LEAGUE.
Per ogni stagione, i fondi totali da distribuire ai che partecipano alla Champions League ammontano a 1,257 miliardi di euro.

Per tutte le squadre che partecipano agli spareggi ci saranno 50 milioni di euro da dividere: 2 milioni a ogni qualicata e 3 milioni per ogni eliminata.

Gli 1,207 miliardi di euro disponibili per i dalla fase a gironi in avanti verranno ripartiti con quote sse e quote di (market pool). Tuttavia il market pool è stato ridotto dal 45% al 40% aumentando al 60% la quota ssa.

Le quote sse da dividere ammontano a 724,4 milioni di euro. Comprendono:
- Il premio partecipazione alla fase a gironi: 12 milioni di euro
- I bonus risultati nella fase a gironi: 1,5 milioni di euro a / 500.000 euro a pareggio

Dalla fase a gironi in poi:
- Ottavi di nale: 5,5 milioni di euro
- di nale: 6 milioni di euro
- Seminali: 7 milioni di euro
- nale: vincitrice 15 milioni di euro / seconda classicata 10,5 milioni di euro

Inoltre, la vincitrice della Supercoppa UEFA dal 2015 riceverà 4 milioni di euro, mentre alla seconda classicata andranno 3 milioni di euro.

Le quote di (market pool9 da dividere ammontano a 482,9 milioni di euro. Distribuiti proporzionalmente secondo il valore del televisivo dei che partecipano dalla fase a gironi in avanti e suddivisi tra le squadre di ogni federazione.

Metà del valore di ciascun verrà ripartito tra le squadre a seconda dei risultati nel precedente, mentre l’altra metà verrà corrisposta in proporzione al numero di partite giocate in Champions League 2015/16.

Ogni volta che un di una federazione rappresentata da uno o più nella fase a gironi di UEFA Champions League viene eliminata agli spareggi, il 10% della rispettiva quota di viene destinato al eliminato.
E si tratta di una nuova disposizione, non mplata nel sistema di distribuzione adottato nora.

Premi di solidarietà per le squadre che non raggiungono la fase a gironi

I premi di solidarietà distribuiti tte federazioni e/o leghe nazionali, che in precedenza ammontavano al 6,5% delle quote destinate alle squadre di UEFA Champions League, rappresenteranno il 5% delle entrate totali lorde dalle due competizioni.

In totale, 112 milioni di euro verranno distribuiti alle federazioni e/o alle leghe per i l , rispetto agli 82,4 milioni del ciclo 2012-15: si tratta di un aumento di oltre il 35%. L’80% di questo im verrà distribuito alle federazioni e/o alle leghe con almeno un partecipante alla fase a gironi di UEFA Champions League, mentre il 20% sarà destinato alle federazioni e/o alle leghe senza partecipanti. Solo i che non partecipano alla fase a gironi di una competizione avranno diritto a una quota di questi premi di solidarietà.

Inoltre, la distribuzione alle federazioni e/o leghe nazionali non seguirà più solo il valore di : il 60% degli importi disponibili verrà distribuito in quote uguali tra tutte le federazioni e/o leghe nazionali e solo il 40% seguirà il valore di . In questo modo sarà garantita una distribuzione più equa dei premi di solidarietà alle squadre europee.