ULTIM'ORA

Ecco il Benfica: dove colpire per spegnere la Luz.

juve-attacca-in-velocita-ma-occhio-al-contropiede

di Narança Sol – Ecco il Benfica: lo o Da Luz, ribolle…e la Juve rischia molto nella casa delle Aquile lusitane.
Velocità e tecnica, la sfida è tutta li’.
I nipotini di Eusebio sono squadra completa, migliorata in difesa negli ultimi 2 anni.
Nel 2012 erano 27 i subiti nella SuperLiga, ridotti a 20 lo scorso anno, solo 15 nell’ultimo in cui dopo diverso tempo il Benmfica è tornato a vincere il titolo. Con 2 giornate di anticipo.

Resta la lacuna delle fasce, dove userà armi letali per segnare almeno un e spegnere la Luz!

Jorge , che ha ormai consolidato il 4-1-3-2 come sistema di gioco ideale per la sua squadra, deve fronteggiare 4 assenze pesantissime. In ordine di importanza, mancheranno l’ala Gaitan, reduce dalla migliore stagione della sua carriera, il suo con e omologo Salvio, il mediano serbo Fejsa e il laterale di difesa Silvio (stagione finita come per Salvio). Il Benfica non ama pressare alto ma è micidiale nel compattarsi sulla sua trequarti difensiva e ripartire in velocità con le accelerazioni che in assenza di Gaitan e Salvio saranno affidate al talento serbo Markovic (20 anni, passo impressionante ma poco brillante nell’ultimo periodo). La Juventus non dovrà concedere spazi alle spalle di Lichtsteiner e Asamoah per evitare di subire le ripartenze delle Aquile, concretizzate con grande efficacia da Rodrigo (11 in Superliga, 1 in e 3 in League) e a (14 + 1 + 3).

PEREZ-PIRLO, sfida in regia. Le fortune della Juve passeranno da Pirlo. Nella sua zona ci sarà il 28enne argentino Enzo Perez, trequartista atipico: brevilineo e di grande resistenza, svaria anche sull’esterno. Segna poco, 4 quest’anno, si rende utile nell’equilibrio tattico che da alla squadra e negli assist. É pedina chiave di questo Benfica così come lo era nell’Estudiantes di Sabella, con cui vinse la Libertadores 2009.

LENTI E POTENTI. potrebbe scegliere Giovinco per . L’uruguno Maxi Pereira e l’ex Udinese Guilherme Siqueira, sono punti deboli della difensa.
Pereira è un idolo, al Benfica dal 2007, se attaccato in velocità fatica e svanisce la sua aggressività. Giovinco e Tevez, possono evitare punti di riferimento a Luisao e Garay scoperti dall’assenza di Fejsa, diventando decisivi.