ULTIM'ORA

E’ Gentiloni, impazza il toto-ministri!

Gentiloni new Italy's premier

di Romana Collina - Il presidente Matella ha conferito a Paolo Gentiloni l’incarico di formare il nuovo .
Gentiloni si è recato a Palazzo Madama per incontrare il presidente del Pietro , l’incontro è durato circa 15 minuti; poi a Montecitorio dove ha incontrato Laura Boldrini.
Gentiloni potree tornare al Quirinale già da domani mattina per sciogliere la riserva.

I tempi impressi da Matella sono serrati e sullo sfondo c’è l’appuntamento del prossimo Consiglio Europeo in programma il 15 dicembre.
A questo vertice Gentiloni potree partecipare avendo almeno giurato, o con il voto di ducia di una Camera.
Si tratta di una delle crisi di più brevi della storia della Reblica.
L’incarico, infatti, è stato dato in tempi record.

E’ stata già allestita per le consultazioni per il nuovo la sala del Cavaliere di Montecitorio.
Non c’è al momento un calendario, ma fonti parlameni spiegano che il premier incaricato Paolo Gentiloni potree incontrare i rappresentanti dei gruppi già da oggi.

Il discorso. “Ringrazio il presidente della Reblica per l’incarico conferito, lo considero un alto onore e cercherò di svolgere il compito con dignità e responsabilità”, afferma nel suo primo discorso il premier incaricato Paolo Gentiloni. “Il quadro ampio e articolato delle consultazioni svolte dal presidente della Reblica sarà la base del lav per denire composizione e programma del nuovo ”. “Dalle consultazioni è emersa la conferma della decisione di Renzi di non accete un reincarico in coerenza con l’impegno che aveva manifestato e questa coerenza merita rispetto e da parte di tutti”. Il presidente del Consiglio incaricato intende “accompagnare e se possibile facilie il percorso delle forze parlameni” per denire le nuove ree elettorali. Gentiloni si dice “consapevole dell’urgenza di dare all’Italia un nella pienezza dei poteri, per rassicurare i cittadini e affrone con massimo impegno e determinazione le priorità internazionali, economiche, i, a iniziare dalla ricostruzione delle zone colpite dal terremoto”. Nelle consultazioni, prosegue il premier incaricato, è stata registrata “l’indisponibilità delle maggiori forze di opposizioni a condividere un di responsabilità. Quindi non per scelta, ma per senso di responsabilità ci muoveremo nel quadro del e della maggioranza uscente”.

Il nome di Paolo Gentiloni era già da giorni nella rosa dei papabili per il nuovo . (
Ora impazza il toto-ministri: ipotesi Fassino, Boschi rimarree.

GLI ALTRI. Berlusconi ha bocciato le larghe intese ma è pronto a sostenere il che nascerà, no alla nuova legge elettorale.
Il MoVimento 5 Stelle e la hanno già minacciato l’Aventino e manifestazioni di massa.
La dezione Dem ha assicurato il pieno sostegno alle scelte del Capo dello Stato.
Intanto Renzi ha scritto su Facebook un lungo post notturno: “Lascio davvero. Proveremo a ripartire per cambiare”.

“Il nostro Paese – ha evidenziato Matella al termine delle consultazioni – ha bisogno in tempi brevi di un nella pienezza delle sue funzioni.
Vi sono di fronte a noi adempimenti, impegni, scadenze che vanno affrontati e rispettati. Si tratta di adempimenti e scadenze interne, europee e internazionali”.