ULTIM'ORA

E’ festa, ma futuro Gasp oscura la Dea!

timthumb-1

di Nina Madonna - L’ dei record, ha chiuso al qualificandosi alla per la prima volta.
Ma nella prima delle 3 stagioni di Gasperini i punti erano stati 72, per una quarta posizione da League.
Ieri il 3-1 al Sassuolo è valsa quota 69, come l’Inter ma scontri diretti a favore.
I 41 punti conquistati nel ritorno (stesso numero di in trasferta), hanno fatto il vuoto, vincendo lo virtuale dalla 19esima alla trentottesima.

E le 10 vittorie in trasferta hanno cesellato una annata irripetibile. Con miglior a 77 reti, 103 complessive in 49 partite disputate sui tre fronti (16 in 6 match nelle qualificazioni di League, 10 in 5 di ).
E Duvan Zapata è stato l’investimento più cospicuo di sempre (26 milioni, saldo a giugno 2020 alla Samp), re dei r di casa con 23 in A (solo Pippo Inzaghi fece meglio nel ’96/’97 con 24 ), 2 in League e 3 in , con il trofeo perso nella finale a tra le polemiche con la Lazio a metà mese.

Aver perso la come nel 1963 è il rimpianto.

Gasperini è il primo interrogativo: il presidente Antonio Percassi domenica sera ha assicurato di volersi tenere stretto il tecnico; Gasp ha rimarcato di doversi sedere al tavolo con la dirigenza. Perchè si continua solo se c’è piena condivisione di idee.
Nell’ultima conferenza stampa, il tecnico alludendo velatamente alle cifre che circolano sul suo conto riguardo il pre-contratto con la , non ne ha fatto una questione di soldi ma di coerenza: “La scorsa estate avevo parlato di ‘ triste’ sentendomi rispondere che avevo in mano la rosa più forte della storia dell’”.

Adesso Percassi vuole assecondarlo senza vendere, anzi comprando gli innesti necessari.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply