ULTIM'ORA

Dubbi al Max: addio o rinnovo al 2020?

allegri.juve.crotone.bagnato.2016.2017.750x450

di Antonella Lamole - che farà? La risposta dopo il 3 giugno e anche qualche giorno più in là.
Dalla separazione consensuale tracciata a gennaio, si è passati alla trattativa per il : passata la bufera è arrivata la consapevolezza che di meglio né la Juve né possano concretamente trovare.

DUBBI. Nel caso si decidesse di andare avanti insieme, l’intesa è stata trovata a metà strada come spesso accade tra domanda e offerta: la dirigenza bianconera avrebbe voluto un prolungamento annuale in linea con quanto sempre fatto pur riconoscendo tutti i meriti di anche in termini economici, il tecnico per rese avrebbe voluto un nuovo progetto triennale, alla fine il punto d’incontro con un prolungamento fino al 2020 avrebbe messo tutti d’accordo. Sempre ammesso che la decisione ultima sia quella di andare avanti insieme. e erano obiettivi primari, ma non gli unici di una stagione ancora molto più lunga di quanto non dica il calendario. E che dall’esito della finale col potrebbe incidere in maniera sensibile sulla decisione ultima di . L’effetto domino delle grandi europee non è ancora partito, la reputazione e il fascino del tecnico bianconero è sempre in aumento. Questo da un alto. Dall’altro, sono le motivazioni a fare la differenza e in questo senso fino a Cardiff non si potrà che aspete: già ieri il tecnico ha spiegato quanto sia diffi pensare di migliorare quanto fatto in questi tre anni, una in Champions renderebbe forse impossibile fissare punti di crescita ulteriori. E quel ciclo ancora non finito di cui ha spesso parlato anche Marotta, potrebbe però concludersi proprio nel caso in la coppa dalle grandi orecchie finisse in bacheca. Intanto , per la prima volta, è andato a raccogliere il giusto tributo sotto la Sud con tanto di doppio inchino: molto probabile che sia stato un arrivederci, non è affatto impossibile che possa trasformarsi in un saluto d’addio.