ULTIM'ORA

Il Barça vuole Prandelli! Abete rilancia e Pep spinge Montella.

prandelli_champions

di Azul Grano - Vincenzino Montella è lo specchietto per allodole o meglio una ‘seconda scelta’: il Barcellona vuole Cesare Prandelli che del Barça dice e pensa: “il successo del Barcellona è un fatto tecnico e culturale. Un punto di riferimento, ma bisogna capire come sono riusciti ad arrivare a questo punto. Qualche allenatore cercherà di rubare qualcosa a questa squadra, ma il successo del Barcellona non è solo un fatto tecnico. E’ un fatto anche culturale”.

Prandelli però starebbe disposto a continuare in azzurro con un ruolo diverso: capo di tutte le nazionali, dalla Under 15 fino alla maggiore, con la qualifica di Responsabile Unico.
Con il suo staff lavorerebbe tutto l’anno, su calendari e impegni delle varie rappresentative, indicando le direttive tecnico-tattiche e uniformando il gioco a quello della Nazionale maggiore. Modello Germania, dove è stato introdotto da Joachim Löw.

L’ipotesi permetterebbe a Prandelli di vivere una quotidianità non solo a Coverciano, ma nelle sedi dove si prevedono altri centri federali: e o.
L’ostacolo Pramndelli al Barça è proprio la Feder che pescò Cesare a .

L’accostamento con va da sè: perchè sia Prandelli, sia Montella dopo aver fatto le fortune della Viola, sono pronti alle grandi sfide?
Cesarone ha già rigenerato la Nazionale diventando ‘prima scelta’ del Barça, Vincenzino lo segue a ruota…

Se ne è accorto anche ‘’ quotidiano spagnolo che ha pubblicato la lista dei possibili sostituti di Tata Martino, che a fine stagione lascerà nonostante la ‘racndazione’ di Messi.

I nomi sono André Villas Boas, Diego Simeone, Jurgen Klopp, Ernesto Valverde, Roberto Martinez, Luis Enrique…e c’è anche Montella.
Una rosa con candidati molto diversi, al momento tutti outsider. Il vero desiderio per la panchina blaugrana è infatti il Cittì dell’Italia.
Abete lo sa, ed in Feder tutti aspettano l’incontro di dopo , in cui Cesarone vedrà molti dei suoi possibili nuovi giocatori, magari per un colloquio preliminare lontano da tutti.

Tra gli altri, però, c’è anche Montella che ha imparato a farsi largo e a coltivare amicizie che contano.
La prima è Pep Guardiola, ancora influente nel club ‘que è mes che un club’.

Il tecnico viola attira le attenzioni catalane per il gioco offensivo e il possesso palla che in Spagna molti ricordano nelle parole di Pep costante spettatore delle partite del Catania di Montella, all’epoca unica squadra di A ad “incantarlo”.

In Spagna le indiscrezioni sul successore del Tata incalzano: se Cesare resterà in Nazionale, un giovane italiano potrebbe fare il colpo.
Un successo personale, un per la che dopo Ancelotti, Capello, , Spalletti, perderebbe un altro tecnico necessario a far crescere il depresso italiano!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply