ULTIM'ORA

Disastro Ferrari, il Re Nero sul titolo!

Japan Formula One Grand Prix

La Ferrari a Suzuki chiude il trittico orientale con un : 22 punti conquistati su 129 disponibili e 4 ritiri.
Scenario falentare, un paradosso, perché la Rossa ha perso il affrontando la sua fase decisiva con la macchina ‘migliore’.
Vettel ci ha provato nonostante la consapevolezza di avere un problema irrisolvibile l’impossibile cambio di candela. Restando in macchina dopo il ritiro sottolinea la partecipazione alla causa Ferrari; confermata restando composto anche davanti ai media nonostante avesse ottimi motivi per farlo.

VOTI.
LEWIS : 10
Con Vettel subito fuori potrebbe itarsi a gestire la gara con il gomito fuori dall’abitacolo. Invece punta deciso al bersaglio grosso. Parte davanti e ci resta no alla bandiera a scacchi, controllando con discreta agilità la rimonta di Verstappen nonostante la situazione critica sul fronte gomme. Tra due settimane in Tas potrebbe già festeggiare il quarto .

MAX VERSTAPPEN: 9
In qualica la Red Bull lo penalizza, ma lo scenario cambia quando si tratta di mettere in pista il ritmo e non la velocità assoluta. Il giovane Max è assai incisivo e solo l’ostruzione di Alonso in fase di doppiaggio, gli impedisce di tentare almeno l’ a nei chilometri nali. DANIEL

RICCIARDO: 7
Esce ridimensionato dalla trasferta orientale. Il confronto ad alto livello con Verstappen produce infatti per Daniel poche soddisni. Resta comunque una gaa di regolarità per la Red Bull, squadra in decisa crescita nella fase nale di questa stagione

BOTTAS: 6,5
Fa il suo compitino ma con quella macchina lì ci si aspetterebbero gare di ben altro spessore. Se non altro è utile alla causa bloccando Verstappen al momento giusto, mossa che ha permesso a di aumentare il suo vantaggio. Intanto è a 13 punti appena da Vettel e vede da vicino il secondo posto nel .

KIMI RAIKKONEN: 6
Parte a centro gruppo per colpe non sue, ma in gara non fa nulla per sottolineare la sua presenza. Alla ne arriva un “rimontina” scontata se guidi la Ferrari e se la Ferrari non si rompe. Troppo poco quando servirebbe sollevare il morale della squadra dopo il ritiro di Vettel.