ULTIM'ORA

Disastro arbitri: anche Orsato tradisce!

url-9

di Paolo Jr Paoletti – , Lazio, Crotone… Guida, Orsato, Banti…
, mai tanti errori e così pesanti in serie A!
Tutto comincia a Bergamo dove Guida nopn fischia un clamso rigore per fallo di mano di Conti in area.
Si continua all’Opico dove nel di , Orsato nega 2 rigori chiari alla Lazio e ne fischia uno inesistente alla .
Quindi l’errore di Crotone dove Banti ne combina di ogni: prima ferma Trotta che corre verso rete, poi convalida il pari dopo mani di Zaopata!
Ecco i dettagli della giornataccia.
Secondo Sarri, chi sbaglia andrebbe fermato.
Può anche sci, ma chi resta a fischiare in serie A?

Crotone-Milan, Banti: voto 4,5
Tre episodi sotto i riflettori per la partita di Crotone. Nel primo tempo Banti sbaglia nel fermare Trotta lanciato a rete da Falcinelli: errore indotto dall’assistente Preti che segnala un fuorigico che non c’è, visto che il giocatore del Crotone è tenuto in gioco da Vangioni. Giusto invece non concedere al Milan il rigore richiesto da Deulofeu che va giù in area dei calabresi su contatto con Ceccherini: non ci sono gli estremi per il penalty. La situazione più controversa nella ripresa in occasione della rete del pari rossonero di Paletta. Il tocco vincente avviene dopo che Zapata tocca il pallone con un braccio: in campo nessuno protesta, le immagini mostrano però il tocco. Un caso che solo la Var avrebbe potuto risolvere.

-Lazio, Orsato: voto 4
Due evidenti errori nel primo tempo da parte di Orsato. Prima sorvola su un ne di area di Fazio a Lukaku: era rigore netto e possibile anche rosso per chiara occasione da gol. Poi si inventa il penalty per un fallo di Wallace su Strootman che non c’è: clamsa simulazione da parte dell’olandese. Giusto non fischiare fallo quando Bastos e Dzeko si strattonano a vicenda in area. Nel secondo tempo manca un altro rigore alla Lazio: Fazio colpisce Keita appena dentro l’area.

-ntus, Guida: voto 4,5
Minuto 57, episodio gravissimo. Cross dalla sinistra, tocco di mano di Toloi e Guida assegna subito il di rigore. Poi annulla la sua decisione per segnalazione del suo assistente di presunto fuorigioco di Mandzukic. Ma Mandzukic non è mai in fuorigioco, il tocco di mano di Toloi è nettissimo e Guida aveva visto giusto poi si ravvede perché l’assistente considera l’attaccante bianconero in offside. Di Fiore vede il tocco di Bonucci e non il tocco di Toloi.