ULTIM'ORA

Difesa da rifare, sbagliò Sarri a bloccare i cambi!

sarri-e-giuntoli-620x400

di Paolo Paoletti – Il processo al Napoli, 5° in classifica dopo 11 giornate, ha 3 colpevoli certi:
1. La difesa, che ha smarrito sicurezze e concentrazione;
2. Sarri che ha voluto confermare gli effettivi – forse perchè non si fidava di chi sarebbe arrivato e per non dover ricominciare d’accapo – e non riesce ad arginare l’emorragia di gol subiti: 12 in 11 gare;
3. De Laurentis che non ha ricostruito la squadra dove c’era più bisogno e i 2 arrivati – Tonelli e Maksimovic – per !
motivi diversi non sono bene utilizzati.

Oggi si parla di 2 regali alla Juventus, per spiegare la sconfitta di … sono molti di più in questo !
Errori individuali ma anche di reparto: 12 gol in 11 partite è media da retrocessione… anche secondo l’algoritmo di Caressa!

Quindi non possono più essere definiti , ma problemi strutturali di natura psicofisica.
L’assenza di Albiol, è solo una aggravante: la difesa del Napoli ha perso applicazione e concentrazione. Cui Sarri non sembra riuscire a porre rimedio.

Senza lo spagnolo meno sicurezza per tutti gli altri. Ma Hysaj è irriconoscibile e Ghoulam fa disastri uno dopo l’altro.
Le 3 sconfitte e i 2 pareggi – che con i 3 punti equivalgono alla sconfitta – cominciano in difesa: Bergamo, e Juventus, come Pescara. Solo Genoa è fuori dal difensivo solo perchè Reina negli 5 minuti tolse 2 palloni dalla porta.

Errori individuali di Koulibaly contro la ; di reparto, insieme a Ghoulam, sul gol di Petagna a Bergamo.
Errore individuale di Ghoulam a sul gol di Bonucci, errore di reparto sul raddoppio di : Ghoulam rinvia male (errore tecnico) una palla da far scorrere, Chiriches non accorcia su Gonzalo, Allan sta a guardare!

Da ricordare i gravissimi retropassaggi di Jorginho contro e Besiktas, costati 2 gol.

Reina ci ha messo del suo: evitabile il primo di Niang, errore anche su secondo e terzo gol del Besiktas (fuorigioco a parte).

L’atteggiamento della linea a 4 più alta possibile, può costare caro quando non sei concentratissimo: la rete di Benali a Pescara fu il primo segnale.

Ma nell’impostazione di Sarri le colpe vanno ripartite tra tutti gli 11: se la squadra si spacca, la difesa è scoperta e gioca uno contro uno.
Il pressing alto e l’occupazione degli spazi mporanea dei reparti è il pilastro che quest’anno vacilla.
Eppure 3 titolari su 4 sono gli stessi, e Maksimovic sta apprendendo i movimenti mentre Tonelli, conosce a memoria cosa chiede Sarri non ha mai giocato infortunio o non infortunio.