ULTIM'ORA

Diego Costa, caos Fifa: vuole la Spagna!

Diego Costa

di Paolo Paoletti – Costa ha deciso: i pmi li vuole giocare con la maglia rossa della Spagna. La punta dell’Atletico Madrid ha inviato un fax alla Fifa in cui manifesta apertamente la voglia di far parte della selezione iberica e non quella del , che lo rivendica come proprio giocatore dopo la sua partecipazione a due amichevoli. Ora la palla passa alla Fifa che dovrà chiudere la telenovela e decidere il futuro del bomber dei colchoneros.

L’attaccante biancorosso ha iniziato la stagione in modo straordinario con 10 in 9 partite di Liga, meglio di Messi e Cristiano Ronaldo!

La storia di Costa rilancia l’importanza e il futuro delle Nazionali. Una volta ci si faceva in 4 per la maglia del proprio paese: onore e piacere. Poi è diventato anche un gioco a scacchi nei campionato di tutto il Mondo con i CT pronti a chiamare un giocatore anche solo per toglierlo ad altre Nazionali.
L’ultima con l’argentino Icardi chiamato da Sabella con l’ appena ci aveva fatto più di un pensierino…

Ora sono i giocatori a decidere dove e con chi giocare: bene la libera circolazione del lavoro ovvia nell’Europa unita, ma bisogna chiarire che i calciatori non sono lavoratori normali, giocare a non è come andare in miniera, essere nati e cresciuti in un paese che ti forma, mette in evidenza, da la possibilità di cercare fortuna e futuro all’estero non può essere cancellato con un “voglio” erba che non cresce neanche nel giardino del Re.

L’esempio lampante viene proprio dalla Spagna: se Messi non fosse stato accolto, curato, formato e lanciato dal oggi non sarebbe Messi ed il mondiale non avrebbe un campione così. Per questo motivo, giustamente, Messi non ha accettato l’offerta faraonica di Pep Guardiola che ha provato con 125 e riproverà con 250 milioni a portarlo al Bayern Monaco…ma Messi non si è mai sognato di rifiutare l’ anche quando giocare in sembrava offuscare la sua stella spendente in Catalogna.

Sulla scelta della Fifa peserà certamente il forte potere di Villar e della Federazione spagnola, come il diritto del paese organizzatore del Mondiale, dopo 2 convocazioni fatte a Costa. Il quale ha fatto 2 errori: si è messo contro i brasiliani e innescato un caso di cui il già bacato e corrotto non ha proprio bisogno.

Chi si ricorderà di Costa se non segnerà più q0 in 9 partite in Liga?