ULTIM'ORA

GP India a rischio, tasse non pagate: solo 30.000 biglietti.

C_29_articolo_1015157_upiImgPrincipaleOriz

di Omar Sahid - A rischio il Gran Premio dell’India in programma domenica al Buddh national Circuit di Greater Noida. Jaypee s, società organizzatrice della manifestazione, non ha pagato le tasse per l’edizione 2012. La Public est Litigation (PIL) ha chiesto un’approfondita valutazione.
E la Corte Suprema Indiana ha fissato un’udienza nelle pme ore per valutare la questione.

La richiesta di annullamento nasce dalla denuncia di un cittadino di nome Amit Kumar, il quale insiste sulla natura giuridica del Gran Premio dell’India: secondo la legge locale, non si tratterebbe di un “evento ivo”, ma di uno show. E l’esenzione fiscale accordata due anni fa sarebbe stata revocata.

La burocrazia indiana, lenta e irrisolutiva, potrebbe portare la vicenda a una situazione di stallo simile alla vicenda dei marò italiani.
La vendita dei biglietti per la gara è stata nettamente inferiore alle aspettative, venduti solo 30.000 ingressi.