ULTIM'ORA

Paura DeLa, paga premi extra: non tutto si compra!

aureliodela

di Paolo Paoletti - Per uno che fa calcio-business, tutto si risolve coi soldi…
E a 10 partite dalla fine, con l’acqua alla gola e 6 punti di rido sulla derelitta Roma ancora seconda, De Laurentis vince la sua sete di denaro offrendone ai giocatori per guadagnare di più! Annunciati in segreto premi extra sui risultati già gratificati nei contratti individuali dei giocatori. Però, la paura di rese fuori dalla terrorizza il cinepresidente.
Senza i 50 mln della DeLa è finito: il Napoli sarebbe smantellato e Aurelio gioca il jolly più diseducativo: ulteriore premio di 3 milioni – ovviamentre lordi – in caso di qualificazione diretta, ossia secondo posto!
Insomma ti strapago per fare il tuo dovere!

L’ultimo o ha ricavi record: 237 milioni, il migliore della del Napoli. Ma irripetibile per la plusvalenza di Edinson Cavani al Psg. Tuttavia la nuova ripartizione dei diritti , consentirà al Napoli di passare dai 61 milioni attuali ai 74 del 2017-18.
La verità è che gli introiti fissi del club valgono 130 milioni, averne avuti altri 100 nel 2014 è stato occasionale e irripetibile senza stabile e nuovo stadio. Il Napoli è però l’unico club in Italia che dal 2008 chiude in utile.

Quindi DeLa metterà mano alla tasca anche per l’: se la vince concederà 4 milioni a squadra e tecnici! Niente per l’eventuale , segno di quanto poco conti il secondo trofeo nazionale, di cui però tutti si riempiono la bocca…

Che strano sentire Thohir cancellare le vacanze per un’Inter in punizione fuori dall’Europa e De Laurentis offrire soldi per vincere: un dovere per tutti, giocatori, tecnici, società!

I soldi li prenderanno tutti tranne . Non illudetevi, lo spagnolo non è un samaritano: Rafa i premi li ha già per contratto, previsti da subito. Altro motivo per cui ha scelto l’ sul campionato.
De Laurentis crede di poter comprare tutto, ma l’unica cosa che avrebbe dovuto compare – 2 Top Player – non li ha voluti, essendo un affarista non un imprenditore.

partendo per , ha messo le mani avanti: “le Coppe le decidono le giocate individuali dei giocatori…” Che novità!
Mentre al proposito il club non ha chiesto a Tata Martino di far riposare Higuain perchè è proprio Gonzalo a non voler rinunciare alla Seleccion, stretto dalla concorrenza di , Icardi, Dybala eccettera.

Che ne sarà di questo Napoli?
In 3 anni, De Laurentis è sull’orlo della crisi di nervi e di gestione: di fatto abbandonato da 2 allenatori, gli restano 3 coppette e tanti rimpianti. Fumus che diradandosi a giugno, lascerà scoperte tutte le malefatte del cinepresidente: , settore giovanile, stadio.
Tutto ciò che serve per vincere, che il Napoli non ha.

Anche Bigon, nel mirino di DeLa, preferirebbe andarsene…non fosse per la penale in contratto per cui chi pensa al Ds non vuole pagare.
Il Napoli è terra di passaggio, come Napoli è stata per secoli terra di conquista…
De Laurentis è riuscito a distruggere ciò che Maradona e Allodi avevano costruito per Ferlaino e la città!

Verrebbe da dire: ben fatto!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply