ULTIM'ORA

DeLa contro tutti, squadra contro DeLa. Tifosi-Rafa.

gruppo-475x317

di Paolo Paoletti - Il Mattino, racconta che De Laurentis sia sceso negli spogliatoi per stringere la mano a tutti e complimentarsi anche con Benitez.
Il Corriere dello , sponsor ufficiale del Napoli, che a fine partita abbia, invece, spedito il figlio Edoardo negli spogliatoi per comunicare che il ritiro continuava. Con una notte a casa e metà lunedì libero: ‘ntino’ ottenuto dopo l’intervento della signora sulla vicepresidente Jaqualine Baudit che non ha rasserenato nessuno.

Bigon, anche lui in castigo, ha chiesto di parlare con De Laurentis per tentare la tregua a nome della squadra. Rimandato al mittente!

Il ritiro a Castelvolturno continuerà fino al Cagliari. Qualcuno dice che potrebbe finire con 3 vittorie consecutive: Fiorentina portata a casa, Wolsfburg, Cagliari.
Proibiti anche i blog e social network.

Rafa Benitez ha provato di nuovo a far cambiare idea a De Laurentis? Non si parlano…
Ma dopo il goal di Mertens, è stato tenuto fuori dalla squadra nell’abbraccio collettivo, segnale di protesta verso il cine-presidente.
Squadra unita… Sì, fino a quando?

De Laurentis non parla con i giocatori, andrà in Germania? Forse no e gli costerà un multa dell’Uefa che pretende tecnico e un giocatore alla press-conference della vigilia.

Il fine-settimana ‘di fuoco’ si è concluso con la vittoria netta sulla Fiorentina. Nessuno è nto.
DeLa ‘junior’ si è alterato – rissa sfiorata? – con il preparatore dei portieri Paco de Miguel. Benitez ha dovuto ‘convincere’ i giocatori: “Ragazzi, va bene così. Le decisioni del presidente vanno rispettate, piacciano o non piacciano. Noi dobbiamo soltanto dimostrare in campo: pensiamo a vincere tutte le partite”.

E’ manifesto che tra De Laurentis e Benitez sia tutto finito. Dimissioni o non dimissioni.
Il blico, appena 21.000 presenti, ha applaudito Benitez. I tifosi hanno scelto, stanno dalla sua parte.
Il futuro è una bomba ad orologeria: De Laurentis sta giocando la sua partita, in palio non c’è lo scudetto ma 45 milioni, indispensabili a tirare avanti.

ha chiesto 4 milioni netti, mandato al diavolo.
proprio al ha dimostrato di non essere pronto per una grande piazza.
è perplesso sul progetto ed ha chiesto certezze su acquisti e conferme. Presente Chiavelli, l’uomo dei contratti con la firma in .

De Lauerentis se perde, non paga. Gli resteranno solo i cocci di questo Napoli.

Altra annata persa. Amarissima per la mediocrità di un dove anche un fallito può battere la Juve.
Bontà Parma, Napoli è alla ricerca dell’orgoglio perduto.
Così non vincerà mai!!!