ULTIM'ORA

De Rossi: Jekyll e Hyde, primo azzurro goleador espulso!

Soccer: Italy-Bulgaria

di na Collina – E’ sempre stato così, a 32 ani resterà così…
Daniele : prendere o lasciare. Ma c’è un motivo se sia la sia la Nazionale lo tengono stretto. Leadership, goal, classe parweggiano l’altra faccia di irruenza e nervosismo.

Italia-Bulgaria è stata la fotograa della carriera di . Prima segna il goal decisivo per la sua squadra, assumendosi la responsabilità di un pesante tiro dal dischetto, poi si fa espellere lasciando i suoi compagni in dieci.
‘Capitan ’ unico, infatti, è il primo ‘azzurro’ ad aver preso incassato un rosso dopo aver segnato.

Sembrava la serata perfetta per . Si era ripreso la maglia da titolare, visto che nella gestione non sempre è accaduto, per la sua partita numero 101 in azzurro, a Palermo dove cominciò: era il 2004, s’affrontava la Norvegia, lui si presentò con un . Il primo dei 17 in Nazionale, che ne fanno il centrocampista più prolico nella dell’Italia e pure il miglior izzatore fra quelli in attività nel giro azzurro.

Prendere o lasciare, dicevamo. Ma i suoi comapagni di nazionale se lo tengono stretto. Prima Chiellini: “Peccato che Daniele aia avuto un momento di blackout, perché saree servito a noi e a lui “. Poi Bonucci: “ ce lo teniamo nel bene e nel male, perché uno della sua personalità nello spogliatoio serve”.

Ed evidentemente conta molto nello spogliatoio azzurro, visto che il rigore che poi ha trasformato lo ha “strappato” ad Antonio Candreva, che voleva batterlo dopo averlo procurato. Anzianità e tanta personalità hanno poi fatto la differenza. Intanto la nazionale continuerà a fare i conti con il suo doppio volto anche al pmo Europeo…