ULTIM'ORA

De Magistris: Stadio cesso? Tutti i bluff di ADL…!

DE-LAURENTIIS-DE-MAGISTRIS-752x440

di Nino Campa – Luigi , sindaco di Napoli, ha parlato della questione attraverso l’edizione online de Il Mattino:”Io rimango basito da alcune affermazioni di : per diverso tempo ha detto con una frase colorita, che a me non piace, ma che dà un po’ il senso della cosa: ‘Il è un cesso’. Ebbene lui non ha fatto nulla per aggiuse il cesso, non ci ha messo, a differenza degli altri presidenti, nemmeno un euro, però ha trovato i per fare altre operazioni (). Sulla convenzione si era fatto un incontro, il giorno dopo ha cambiato idea. Non vuole la convenzione? Lo è della città. La vendita? Non c’è mai stata un’offerta. Lo nuovo? Lui si oppose: parliamo del nulla. Dovrebbe essere felice, come lo fa nei giorni pari, per i lavori del ”.

Sacrosanto… se Bellinazzo di ‘Sole 24 ore’ descrive così l’affare Napoli di ADL: “ad oggi l’investimento di nel Napoli è decisamente in attivo dal punto di vista del portafoglio del presidente e della sua famiglia. Si può dire in estrema sintesi (i dettagli li ho raccontati in altri post e ne “La Fine Del Calcio no”) che ad oggi non solo il Napoli non è costato un euro a ma che il saldo fra le immissioni di capitale e i prestiti al e i ritorni sotto forma di dividendi del consiglio di amministrazione “familiare” è per lui positivo.

In più tuttavia il presidente si ritrova un patrimonio di almeno 300/350 milioni. Tanto dovrebbe sborsare un acquirente se volesse oggi prendere il Napoli: un che non ha strutture immobiliari, ma che può vane un brand importante, che ha in cassa riserve per oltre 80 milioni e una rosa ragguardevole.

Il patron azzurro si è appena ‘sdoppiato’ come proprieio rilevando il (o come dicono i pugliesi “la ”) fallito per la seconda volta in quattro anni. Un affare, visto che si tratta di una delle piazze calcistiche più importanti d’, unica squadra di una città con oltre un milione di abitanti”.