ULTIM'ORA

De Luca, ‘figli e figliastri’: l’ok al Napoli libera tutti!

delaurentiis_de_luca-1

di Paolo Paoletti - Perchè i mercenari del (figli) possono tornare a lavorare tranquillamente, senza restrizioni, problemi di trasporti e di controllo saniio, mentre i e i campani (figliastri) devono rese relegati ai decreti irrazionali di De Luca?

In vista della Fase 2 da lunedi 4 maggio, il Governatore, aspramente criticato in Consiglio Regionale ha parlato in conferenza stampa. Ecco il passaggio incredibile, con apertura alla ripresa degli allenamenti della SSCNapoli e tante bestialità che rinchiudono ancora i cittadini nelle l case cui è negato perfino il diritto di correre.

Ricordiamo che Conte ha definito “illegittime” i decreti locali meno restrittivi e che il ministro per gli Affari Regionali, Stefano Boccia, ha da poco diffidato la Regione Calabria per la riapertura anticipata di bar e ristoranti con tavoli all’aperto. Anche l’ordinanza di Bonaccini, dunque, rischia di finire nel mirino del . Così la Campania se dovesse arrivare un decreto regionale dopo gli annunci.

PREDICA BENE. E infatti dice: “Fino a quando non uscirà un vaccino dovremo convivere con il virus. Serve responsabilità e comprendere che chi ci è vicino potrebbe essere portatore, anche asintomatico. Con comportamenti irresponsabili dovremo preoccuparci, il rischio sarà dietro l’angolo”.

COMMENTO. Giusto, il rischio è dietro l’angolo e bisogna tenere a distanza tutti perchè chi ci è vicino potrebbe essere portatore asintomatico del virus! Ma come si fa a lavorare a distanza sociale? Come si può tornare a vivere a distanza sociale?
De Luca non lo spiega. Però si ‘supera’ nella negazione di se stesso de di quanto fin qui ha fatto per il Napoli del suo amico De Laurentis. Banalissimo voto di scambio!

POI RAZZOLA MALE SUL NAPOLI. “Ho ricevuto una lettera da De Laurentis e propone una ipotesi di lav che mi sembra estremamente interessante. Lo sport e le attività di massa non sono consentite dal Decreto . De Laurentiis mi dice che possono allenarsi avendo tre campi di a disposizione a Castel Volturno. Possono allenarsi con distanziamenti anche di 20 metri tra atleti, ci sono gli spazi. Possono allenarsi per fasce orarie senza l’uso comune delle docce. Con il trasporto individuale per ognuno di l. Mi pare che ci siano le condizioni per tornare ad allenarsi. Ho detto al presidente De Laurentiis che avremmo valutato con grande serietà la sua richiesta. La sottoporremo alla task force, alla parte saniia. ma sono convinto che se vengono garantite, come il presidente ci ha anticipato, tutte le norme di sicurezza credo sia ragionevole riaprire. Il presidente De Laurentiis garantisce anche la ripetizione del tampone ai giocatori, ai collaboratori due volte la settimana. Credo abbia interessi anche lui nel tutelare la squadra a non avere problemi. Sulla base di tutto ciò penso che siamo in grado di consentire la ripresa degli allenamenti del Napoli . Per fare in modo che la squadra sia pronta. Poi decideranno le autorità nazionali e quelle sportive sulla ripresa del campionato, non dipenderà da noi”.

COMMENTO. Caro De Luca, siamo chiari come ami fare alzando la voce e apostrofando chi vuol evadere le regole. Se le attività sportive del tuo amico De Laurentis, produrranno un solo caso di contagio, mi costituirò parte civile denunciando istigazione al contagio virale. Come me tanti sono pronti ad una classe action a tutele dei diritti di tutti.
Spiegaci perchè i calciatori possono beneficiare di 2 tamponi la settimana e gli altri lavoratori a Napoli e provincia no.
Perchè chi ha da spendere ha diritto a salute e cure di e gli altri cittadini sono relegati in serie B, quando va bene.
La SSCNapoli deve essere pronta a che cosa?
E perchè le altre aziende non dovrebbero esserlo, solo perchè non hanno i per affrone le prescrizioni imposte dalla situazione a tutela dei propri lavoratori.
Oppure vogliamo far credere che i datori di lav di altri settori che non sono il ricco , non hanno a cuore la salute dei propri dipendenti?
Smettiamola. Accusi i tuoi nemici di politica politicante… fai lo stesso. Questa apertura verso il Napoli è uno schifo, un abuso, esclusiva propaganda elettorale!
Tieni presente caro Governatore che i si ed i cittadini di Napoli chiedono e aspettano altre priorità: salute, , lav, ambiente!
Ai questa volta del frega poco o nulla.

In più non è più possibile vivere col solito sistema di ‘figli e figliastri’.
Covid-19 ha dimostrato che tutti i modelli socioeconomici hanno fallito: dal liberismo al dirigismo.
Si è salvata solo l’Humanitas, che il ha perso totalmente alla ricerca del business esasperato.

Caro De Luca. dici che chi non usa la mascherina è una bestia… perchè il distanziamento è difficile?
Certo, lo è. Proprio per questo il è follia in questo momento. In ogni sua manifestazione, anche la più blanda, deve giocoforza rinunciare alla mascherina ed ogni forma di protezione perchè è sport di contatto. Come dici dei tuoi consiglieri: li disprezzi?
E’ altrettanto disprezzabile questo accreditamento per De Laurentis che vuole evadere le regole e fare un solo suo, senza rispetto per chi ha buttato il sangue in questa guerra al virus.

Perchè a Napoli, diversamente da tutta , non si può neanche fare jogging ma solo passeggiate dalle 6,30 alle 8,30 e dalla 19 alle 23?
Perchè il Napoli deve ricominciare ad allenarsi e noi cittadini non possiamo neanche correre?
Vuoi vedere che 3 campi per 25 persone che devono allenarsi insieme perchè il è gioco di squadra, sono più di una intera metropoli per un milione di persone, di cui meno della metà in grado di fare jogging?
SMETTIAMOLA! BASTA!

Il deve essere gestito da Feder e Coni. Le istituzioni politiche ne stiano fuori.
Basta e avanza il con tutte le sue bizzarrie e commissioni a non avere il coraggio per chiudere baracca e burattini fino a quando necessario.
E’ infatti ridicolo che si pensi a ripartire con il mentre invece le scuole sono chiuse e gli esami di maturità confermati per il 17 giugno, non si sa ancora con quali modalità saranno svolti.

Caro De Luca hai sbagliato! Di grosso!
Ritira tutto e fai si che il Napoli sia in riga con tutte le altre squadre della sua categoria. Anche in Emilia sarò così.
Ricorda: ci sono tanti pronti a denunciare porcherie del genere ed a costituirsi parte civile per eventuali contagi e nuovi decessi.

Ti stai giocando la riconferma: hai tirato fuori dalla melma la sanità campana, almeno in questa lotta al virus… non ti giocare le elezioni, quando saranno, per una battaglia persa sul pallone.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply