ULTIM'ORA

De Laurentis, ora come paghi tutti i conti in sospeso?

164651234-a992e0eb-20e8-4d06-8344-3681188d61f2

di Paolo Paoletti - Con il secondo posto, è alla sera dei conti.
Solo questione di soldi, tutti i nodi che il cinepresidente deve sciogliere:

1. Conto Sarri.
Il tecnico vuole cambiare il contratto: stop al automatico e unilaterale a favore di ma un biennale secco a 2,1 mln netti. L’aumento è meritatissimo per la classifica ottenuta e la rivalutazione della rosa, in particolare di Koulabaly, Hysaj, Jorginho, Allan, , Callejon, Insigne.

2. Conto Higuain.
Il centravanti dall’alto dei 33 gol realizzati vuole nuovi orizzonti e nuovi guadagni. Il Chelsea lo tenta con 10 mln netti e la prospettiva di vincere la Premier, più affascinante del mondo. Ma il Napoli farà la Champions e deve confermarlo assolutamente. Costi quel che costi, il che significa raddoppiare o quasi l’ingaggio del bomber. Non solo…Higauin chiede che il Napoli venga rinforzato adeguatamente per competere ad alti livelli anche in Europa. Fare una comparsata non gli si addice ma difficilmente lo accontenterà.

3. Conto rinnovi.
Koulibaly, Hysaj, Callejon, hanno bussato a danari: tutti vogliano sostanziosi aumenti di stipendio. Sirene europee tentato gli azzurri che si sono maggiormente messi in evidenza e non sarà facile trattenerli senza adeguata contropartita economica.
Quì si misurerà anche l’appeal del club che dovrà essere preferito a società di livello internazionale sulle tracce dei giocatori del Napoli.

4. Conto mercato.
incasserà 32 mln dalla fase a gironi della Champions + il botteghino delle 3 partite al . Ma incassa anche altri 12,9 per il secondo posto con il nuovo criterio meritocratico della ripartizione dei diritti tv.
Ha già detto che il mercato del Napoli sarò corposo: cosa serve per la pma stagione?
Sicuramente 2 difensori, 2 centrocampisti, 2 attaccanti se Gabbiadini andrà via come andrà via.
In sbarco: Valdifiori, David Lopez, Chalobah, Gabbiadini. Albiol è un punto interrogativo. Callejon resta se ben pagato.
La Juve è riuscita a vincere svecchiando e inserendo 10 nuovi nella rosa. Ma il Napoli non è la Juve…

5. Conto gioco.
Il secondo posto ha 2 facce: Napoli brillante e irresistibile del girone di andata, Napoli incerto e lacunoso dalla Juve in poi.
Mancano giocatori leader e di personalità, ma anche giocatori che consentano di cambiare tema di gioco alla partita.
La Juve ha vinto molte gare in surplace, con una giocata del singolo, respirando, amministrando.
Il Napoli è efficace solo se va al massimo, portando in fuorigiri l’avversario. Tema unico che alla lunga da Genoa-Napoli in poi, molti sull’esempio di perini con la marcatura a uomo di Jorgino e pressing alto sugli esterni, hanno saputo bloccare

6. Conto Tifosi
Sarri incasserà aumento e Champions, che mai ha neanche immaginato.
i soldi dell’Uefa e della che quest’anno gratifica con più milioni il piazzamento in classifica. Ma non in parti uguali: il secondo posto ne 12,9.
Ma il Grande Pubblico azzurro che cosa intascherà? Nulla o quasi.
Lo se va bene comincerà i lavori ad ottobre inoltrato: disagi anche per la Champions e non ci metterà 1 euro. Come al solito. Difficilmente il pubblico vedrà nuovi top player e se le cose continueranno come accaduto con Grassi e Regini i pochi soldi spesi saranno anche mal spesi.

Ecco che attendere la fine della stagione per decidere il futuro tiene il Napoli in netto ritardo sui competitor.
Competitor che richiamano il concetto di competere: come spiega il dizionario Treccani… “gareggiare, concorrere in rivalità con altri, lottare per riuscir superiori (vincitori) per un titolo, per un premio!

Fate voi!!!