ULTIM'ORA

De Laurentis non vuol vincere, il Napoli ha mollato.

th

di Paolo Paoletti - Il Napoli è arrivato al dunque: servono 11 punti per conservare il secondo posto, bisogna vincerne 4 delle ultime 5.
Anche un pari col Bologna, che ha battuto gli azzurri all’andata e fermato la Roma all’Opico, sarebbe devastante!
Spalletti ha sprecato 2 grandi occasioni, la rissa con Totti ha serrato la fila giallorosse.

In 7 giorni, Sarri si gioca 10 mesi di buon lavoro. Il finale a rischio è colpa anche sua: la sconfitta con la ha distrutto classifica e certezze. Serve quindi la cornice per spiegare l’evidente calo del Napoli.

La serie A è campionato diffi, quanto mediocre. Se la lo vince con 3 giornate di anticipo avrà regalato un terzo di torneo alle avversarie! Era 14esima dopo il Sassuolo, oggi ha 9 punti di vantaggio.
Napoli, Roma, Inter non ne hanno saputo apporofittare per motivi diversi ma tutte e 3 accomunate dal un provincialismo calcistico cui in Italia sfugge solo la ntus. Lo confermano la prematura einazione di tutte le italiane nelle Coppe Europee e le difficoltà della Nazionale.

Venticinquesima fatale, i mediocre: il Napoli nelle ultime 9 partite ha fatto solo 14 punti – media 1,55 da centro classifica (a 57) – con 3 sconfitte, 2 pareggi (che equivalgono a sconfitte nel campionato a 3 punti), 14 gol fatti, ben 10 subiti.
Se il i andata è stato esaltante, il ha pian piano cancellato molto di quanto fatto.

I motivi:
1. Mai una vittoria contro le grandi: 1-0, Inter 2-0, 1-1, Milan 1-1, la Roma il 25 aprile chiuderà il lotto delle sfide tra le prime 6;
2. Squadra dipendente da Higuain che è mezzo Napoli per gol segnati e punti conquistati;
3. Sarri si è mostrato inesperto nei momenti decisivi: allo Stadium, a Udine, a San Siro. Incapace di trovare soluzioni alternative al 4-3-3 disinnescato dagli avversari con la marcatura a uomo di Jorginho e gli esterni inibiti.
4. Reina ha perso smalto evidenziando i iti tecnici che ha sempre avuto. Incassati 7 gol nelle ultime 7 partite giocate.
5. La difesa, in primis Koulibaly, ha sbandato ripetutamente: ribadendo che nonostante i miglioramenti ottenuti da Sarri applicandosi al reparto, le lacune sono più forti dei rimedi e non colmate dal mercato sia estivo sia invernale.
6. Rosa insufficiente che ha spinto Sarri a giocare con 13-14 effettivi. E la conseguente scelta di una preparazione che tiene tutti al 70-80% evitando infortuni ma pagando in intensità col passare delle settimane.

Il campionato italiano si vince in difesa, docet con soli 17 gol subiti. Appena 2 nel i !
Roma (70/36) e Napoli (66/29), migliori attacchi del torneo, languono a -9 e -14!!!

Quindi il Napoli è colpevole sopra in : nel club non c’è un dirigente esperto, autorevole e competente che affianchi Sarri nella gestione della stagione e dei momenti decisivi.
E’ evidente che il cinepresidente sia proteso ad un solo risultato: i soldi certi del secondo posto che assicura la Champions diretta, cui sono state sacrificate anche ed League.

A San Siro, è stato pesantemente contestato dai si napoletani con ingiurie chiarissime sulla strategia societaria…(sei un pappone…, alias sfruttatore), scappando 5 minuti prima della fine.
Ridicole le lotte al Palazzo ed i piagnistei che fanno ridere tutta l’Italia: il Napoli non conta niente, non ha peso politico in lega e in Figc. Lo si è visto anche con il ricorso Higauin, perchè non conta chi non vuol vincere.
Così Napoli resterà stazione di passaggio per tutti i migliori che casualmente arrivano, come già accaduto con Lavezzi, Cavani e adesso Higuain!
Sarri, per il suo bene e quello del Napoli, invece di osservare uno stupido silenzio stampa, spieghi come stanno le cose.
Quest’è!!!