ULTIM'ORA

De Laurentis, bluff per distrarre da Higuain. A Roma?

de-laurentis-258

di Paolo Paoletti - “Mi sono innamorato di un calciatore, ma mi hanno detto che a gennaio non lo cedevano. Allora ho detto ai miei collaboratori di prenderlo a giugno”. Continua il bluff di De Laurentis impegnato a depise il futuro di Higuain!

Per Gonzalo sono stati 22 giorni di ‘vacanza’ nel momento decisivo del campionato. Meriterebbe una multa, anche salata, ma De Laurentis non ne ha il coraggio anche perchè la discussione sul prosieguo del rapporto è difficile e tutta aperta.

Pipita ha masticato amaro, da giorni rimurgina sulla disastrosa trasferta di Udine, e anche la sconfitta con l’ ha lasciato il segno nell’argentino.
Il poco peso politico del Napoli sul suo ricorso, la potenza della Juve, il traino alla stagione che ha dovuto sobbarcarsi da solo, spingono Higuain lontano. Verso la er. Ma i per prenderlo sono tanti, nonostante l’art.17 che Gonzalo ha a disposizione e la voglia di giocare la Champions restringono il campo a Manchester United e Arsenal, dove è ancora in alto mare.

L’argentino ha 2 obiettivi: superare Cristiano Ronaldo che salta il prossimo turno di Liga e vincere la Scarpa d’.
E superare anche Nordhal a 35 reti in una sola stagione: gli mancano 5 gol in 4 partite. E la Roma all’andata fu la sola bug a pareggiare al , peraltro 0-0.

Roma è l’ultima occasione per battere una grande: nel ritorno Juve e hanno vinto, Fiorentina e pareggiato. Mai un successo, preoccupante inversione di tendenza che segna il guado tra prima e seconda parte della stagione.
In ballo sopra il secondo posto, ma i 73 punti raccolti documentano la netta differenza di rendimento in casa e fuori.

Gli azzurri al hanno conquistato 45 punti, solo 28 in trasferta! Con il Borussia Dortmund, unica squadra imbattuta: 14 vittorie (record, con 2 gare ancora da giocare con e Frosinone) e 3 pareggi (Sampdoria, Roma e ); 43 gol fatti, appena 11 subiti.

Lontano da 5 sconfitte: 3 contro Juventus, Udinese ed nelle ultime 5 esterne. I 28 punti conquistati sono il terzo rendimento esterno dietro la Roma (30) e la Juventus (38).
Fuori da Coppa Italia ed Europa League, resta il secondo posto che è solo un obiettivo economico non sportivo.

Una squadra che sappia vincere anche in trasferta è il primo male da guarire, rinforzando la difesa e migliorando la qualità dell’organico con gioicatori esperti, di personalità e qualità.
Esattamemnte il contrario di ciò che fa De Laurentis, che a gennaio ha preso Grassi spendendo 10 milioni per vederlo mai utilizzato in 34 mesi.

Anche per questo all’, il Napoli si gioca molto. Molto del presente, ancor di più per il futuro!