ULTIM'ORA

De Laurentis in Antimamfia nega rapporti con i tifosi!

32b03ef8df3dbfc6e906a50d86ec5588_169_l

di Romana Collina – Il lavoro della Commissione Antima non è ancora finito. Il caos delle audizioni di Agnelli è scemato, ma la Commissione non ha concluso il lavoro.
E nel ‘silenzio’ ha sentito anche Aurelio De Laurentis, Claudio ed Enrico Preziosi, presidenti di Napoli, Lazio, Genoa che negli anni hanno avuto diversi episodi dubbi nei rapporti con il tifo.

Il Napoli, dal parente di un boss della camorra a bordo campo con la pettorina di fotografo, accredito rilasciato dal alla trattativa all’Opico con gli ultras, alcuni finiti poi in galera, durante la finale di Coppa Italia contro la . Ma più di tutto, la recente riduzione del costo dei biglietti di messi dal a 40 euro e ‘ritoccati’ per le pressioni degli .

La Lazio, nell’infinita guerra tra e .
Il Genoa per esempio con l’incredibile vicenda di qualche anno fa con i che a Marassi impongono ai giocatori di togliersi la maglia ed uscire dal campo!!!

Il senatore Esposito, in Commissione Antima dice:
“Abbiamo ascoltato De Laurentis, e Preziosi sui temi di cui ci siamo occupati rispetto al calcio. È tutto pubblico, si può recuperare sul sito della commissione. Di fatto i tre ci hanno spiegato che loro non hanno rapporti con la tifoseria di nessun tipo: vanno allo o 5 minuti prima del fischio d’inizio e se ne vanno 5 minuti dopo la fine. Non tengono rapporti con nessun tifoso e vendono i biglietti rearmente.”

Dichiarazioni essanti?
“Tutti hanno manifestato la necessità di un rinnovamento delle norme contro il tifo violento, tutti mi pare condividano l’inutilità della tessera del tifoso e tutti ci hanno confermato che quei pochi rapporti che tengono loro con i sono mediati dalla polizia e dalla digos e che non possono venire in merito alla presenza di personaggi pregiudicati nelle curve e men che meno possono sapere se un tifoso è camorrista, mafioso o ‘ndranghetista. Ci aspettavamo questo tipo di dichiarazioni, personalmente potevo scriverle prima di sentirli. Agnelli dice di incontrare i , altri invece negano.”

L’audizione di De Laurentis, Preziosi e ha creato meno clamore di quella di Andrea Agnelli: perchè?
“La Juventus è la più grande, importante e vincente squadra italiana. Tutte hanno un loro blasone, ma la Juve fa altro rumore. Non dimentichiamo poi che c’era in corso un’indagine della magistratura, un processo, e questo ha senz’altro influito. Chiaramente se in altre realtà non ci sono processi non significa che non ci siano reati. Poi è stato costruito, come ho detto già in tempo non sospetti, un circo mediatico che ha fatto passare la notizia della Juventus e Agnelli collusi con la ‘ndrangheta. Non era vero chiaramente e col tempo quelle accuse non vere sono cadute.”

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply