ULTIM'ORA

De Boer: “Moratti a me non serve, c’è la Roma!”

chievo.inter.deboer.2016.2017.750x450

di Nina Madonna - Frank de Boer sente puzza di bruciato e si posiziona: “ torna presidente? É la prima volta che sento questo, ma a me non serve a niente perché sto preparando una partita molto importante per la squadra. Doiamo rimanere concentrati su questo e non pensare alle speculazioni”.

Non sono speculazioni: ha un’opzione che gli permette di vendere il suo pacchetto dell’Inter per 60-70 milioni. Via anche Bolingbroke. Il ritorno di porteree anche all’arrivo di un nuovo amministratore delegato: Federico Ghizzoni, ex a.d. di Unicredit, di comprovata fede interista e sponsorizzato proprio da Massimo .

All’Olimpico De Boer avvertirà anche l’ombra di . Il tecnico olandese dovree avere a disposizione anche Joao Mario. Con il ghese in campo l’Inter ha sempre vinto e domani sera contro la Roma sono necessari i 3 punti per mostrare che la squadra può reagire alle guracce europee.

Frank de Boer a domanda risponde…

Contro la Roma è sempre stata una gara importante…
“Vogliamo vedere un’Inter che gioca alla pari con tutte gli avversari, in Europa League e anche in . La Roma vuole lo stesso”

Cancellate le scorie della gara d’Europa League?
“Doiamo perché nel tutto si muove rapidamente e in tre giorni aiamo la possibilità di riprenderci contro la Roma”

L’Inter va sempre sotto, è una cosa psicologica?
“Ne aiamo parlato perché io non voglio più vedere l’atteggiamento visto contro lo Sparta Praga. Credo sia solo un problema di atteggiamento, perché la partita non inizia solo quando l’arbitro schia, ma già un giorno prima perché bisogna afnare tutto. Quando l’arbitro schia è già di. É questo che bisogna cambiare nella nostra squadra. Contro la Roma sarà semplice trovare un buon atteggiamento perché è una partita importante, ma io voglio una grande squadra sempre, non solo contro Roma, e Juve”.

Cosa pensi della Roma come squadra e di Totti ancora in campo a 40 anni
“La Roma è una squadra fortissima perché ha giocatori di qualità in ogni zona del campo. Se domani non ci presentassimo pronti saree una gara molto dif per noi, hanno tanti giocatori che possono fare la differenza in ogni momento. Totti è per me un grandissimo giocatore, che può fare gol in qualsiasi momento, un calciatore dif da marcare perché ha tantissima esperienza. Quando entra in campo cambia sempre il gioco della Roma”

Come stanno Joao Mario e Brozovic?
“Sta bene, si è allenato benissimo come anche Brozovic. Aiamo molti giocatori che per la gara di domani sono pronti. Devo scegliere”.

Le sembra che ci siano commenti troppo pesanti sulla sua Inter?
“Nessun problema con la stampa, per me è sempre lo stesso. Quando c’è una buona partita va bene e quando si gioca male la stampa critica. Per me non sarà mai un problema, soprattutto perché aiamo un progetto e una losoa che richiedono tempo. La direzione è giusta e per me in alcune partite – come anche l’ultima in Europa League – si sono visti passi avanti”

Ansaldi è pronto per giocare 90 minuti?
“Sarà dif vederlo in campo per tutta la gara perché non ha mai giocato una partita intera, ma è pronto”.

Settimana dif per l’Inter e per la Roma, chi rischia di più?
“Ogni squadra vuole vincere tutte le partite, Inter e Roma hanno molta qualità è solo una questione di tempo e poi arriveranno entrambe ad un buon livello”

Cosa pensa di Brozovic sui social?
“Tutti i miei giocatori devono capire che i social sono importanti e pericolosi e bisogna capire quando usarli e per me non è giusto utilizzarli in questo momento. Questo discorso vale per tutti i giocatori”

Viste le prestazioni di Coppa e , c’è il rischio di avere un gruppo spaccato tra titolari e riserve?
“Noi vogliamo vincere tutte le partite, ma in alcuni momenti bisogna scegliere reputo i migliori. Devo vedere gli allenamenti e capire, in questo momento non ho giocatori pronti per giocare ogni tre giorni”.