ULTIM'ORA

Dalla Libera al Super G è ancora Goggia…

Sofia Goggia

Soa Goggia non si ferma più. La ninja na delle nevi dopo il trionfo di ieri in discesa libera, questa notte ha vinto ancora sulla pista coreana di Jeongseon, facendo sua la gara del Superg di , ancora davanti a Lindsey Vonn staccata di 4 centesimi e a Ilka Stuhec di 51, quarto posto per Brignone 80 centesimi di distacco).

La 24enne campionessa bergamasca ha chiuso la sua prova sulla pista coreana di Jeongseon che l’anno pmo assegnerà i opici, con il tempo di 1:20.35, alle sue spalle per soli 4 centesimi la stella americana del circo bianco Lindsey Vonn, poi la campionessa del mondo in carica la slovena Ilka Stuhec che ha fermato il cronometro a 1:20.86. Ottimo quarto posto per l’altra azzurra Brignone in 1:21.15. La spedizione na esce alla grande da questa gara, con il 10mo posto di Elena Curtoni in 1.21.71 e l’undicesimo di Johanna Schnarf in 1:21.77. Per la Goggia quello di oggi è l’undicesimo podio stagionale, che migliora il suo record di 10 raggiunto ieri (con il quale aveva superato addirittura Debora Compagnoni), e le prove di non sono nite. Ma soprat queste due vittorie consacrano una campionessa completa, capace di andare a medaglie in tutte e quattro le discipline dello sci alpino. Oggi poi il trionfo ha un sapore dolce, perchè se ieri erano stati appena 7 i centesimi che separavano Soa Goggia dalla seconda classicata Lindsey Vonn, stavolta il margine si è addirittura ridotto ad appena 4 centesimi. Pochi ma comunque sufcenti per assicurare all’ il podio numero 33 fra uomini e donne e la quarta affermazione a livello femminile che consente alla squadra femminile, insieme ai numerosi piazzamenti di giornata, di consolidare il primo posto nella graduatoria per nazioni.

Goggia: “Sono nta di essermi confermata” – E’ raggiante e ancora incredula Soa Goggia per il suo micidiale uno-due sulle nevi coreane, soprat si dice “nta di essermi confermata” nel Superg dopo la di ieri nella libera. “Quando mi sono svegliata -racconta l’atleta bergamasca- il primo pensiero è stato: ‘Ieri ho vinto la mia prima gara di Coppa’ ed ero così felice… Mi sono sentita leggera, mi veniva fa e era giusto già dal riscaldamento. Un superG da sciare, una specie di gigantone dove bisognava saper far correre gli sci”. “E’ stato anche un bel duello con la Vonn, che è partita carica dopo il secondo posto di ieri. Sono nta di essermi confermata -dice la 24enne sciatrice- e di aver vinto anche in superG, che quest’anno è stato dif. Sono davvero nta”. L’azzurra ricorda che “erano tre i punti fondamentali della gara: alla terza porta, dove ho preso un bel vantaggio, a metà e poi il salto che ho sbagliato. Ma ho sempre cercato di far correre lo sci e cercavo di spingerli dall’inizio alla ne e sono stata davvero nta quando ho visto che ero mezzo secondo davanti”.