ULTIM'ORA

Da Thohir a De Laurentis: il calcio, mistero religioso!

th-2

di Paolo Paoletti – Mario Sconcerti chiede chiarezza sui problemi dell’Inter. Giustissimo, i tifosi non sono clienti…
Scrive sul Corriere della Sera: “credo sia un bene se i problemi dell’Inter vengono allo scoperto. E’ un esercizio inutile parlare di tattiche se poi a non avere equio è la società. Thohir non si sta rivelando un esperimento utile, ormai da tempo. Prestare i alla tua azienda mettendoli a o è un esercizio regolare ma affonda l’azienda”.

L’Inter soffoca sotto il peso dei 230 milioni di euro prestati da Goldmans Sachs, da restituire a rate da 1 milione l’anno fino alla maxi rata finale di 184 milioni prevista nel 2019. Soffoca sopratutto perchè non è più prima in classifica…
Nel o 2014-2015 la perdita è stata di 140 milioni. E accordi , impongono che la differenza tra costi e ricavi quest’anno non dovrà superare -30 milioni. Difficile anche con l’aumento di capitale da 20-30 che fa pensare alla resa dell’indonesiano.

Sconcerti continua: “l’Inter non è un’azienda normale dove i clienti, se si chiude la porta, ne aprono un’altra. Il calcio è un’azienda ogni volta unica, con il mistero religioso che questo implica. Non c’è fino a oggi rancore per Thohir, ha tentato un esperimento, non sta riuscendo, è colpa sua o del mondo, non importa. I suoi interessi sono fondamentali ma non più dell’Inter. Con un’ultima domanda: cosa ne pensa Moratti?”.

Io penso esattamente allo stesso modo. Sconcerti, collega ai tempi di Repulica, è stato anche dirigente alla Fiorentina. Io ho avuto la fortuna di fare lo stesso al Napoli. Pertanto mi chiedo perchè con una così completa esperienza non si possa-dea prendere sempre la stessa posizione sempre. Non sono i debiti infatti a fare la differenza, ma sapere come pagarli incassando.

Col Napoli, ad esempio, Sconcerti non ha la stessa posizione.
Eppure, De Laurentis, con le dovute proporzioni fa come Thohir: è un affarista, fa solo calcio-, l’America l’ha trovata a Napoli, con i della SSC Napoli finanzia anche la Filmauro che quest’anno ha chiuso il o con -10mln perchè il Napoli a -13!

Ha ragione Mario: il calcio è un’azienda unica, originale e irripetibile, avvolta in un mistero quasi religioso che pone i tifosi come credenti che Dio non tradisce mai.
I presidenti invece tradiscono, sempre quando i l interessi non camminano di pari passo con quelli dei tifosi che vogliono solo vincere.
Moratti ha venduto dopo il Triplete, la gente lo ama per quanto vinto non per i 1000 milioni investiti nell’Inter. Thohir non è riuscito a pagare i debiti di Moratti e vincere nello stesso tempo. Non è facile, come non è difficile che l’Inter sia travolta dal rosso di o se non arriva in Champions.

Quindi il gioco è per competenti, imprenditori che accettano il rischio di investire prima per poi guadagnare, mettendo al primo posto i risultati ivi e non i conti. Perchè solo vincere garantisce fatturato, come accade alla Juve che ha chiuso il primo semestre con +30mln di utile e debiti – dico debiti – in ribasso.
Solo alla Juve sono competenti? No. Solo alla Juve non hanno interessi diretti personali ma di azienda e quindi sanno come va fatta anche un’azienda unica e irripetibile come è il calcio.

Il punto è non farla passare mai liscia ai presidenti, che prima cercavano – come Sconcerti sa – pulicità e risonanza mediatica. Oggi cercano prima i , a prescindere dal risultato. Questo non è accettabile dai tifosi e da chi fa il mestiere di raccontare e commentare il calcio.
Se Thohir sbaglia a non dire chiaramente, quale sarà il futuro dell’Inter, sbagliano tutti. Il Napoli per primo, che con De Laurentis in 10 anni ha un fatturato derivante solo da diritti e botteghino…niente , niente settore giovanile, niente strutture di proprietà, niente di niente oltre gli 80 milioni che De Laurentis si è messo in tasca.

Strainfischiandosene che Benitez sia andato perchè non si può attendere 25 anni per rivincere uno scudetto e molto più modestamente ha fatto anche .
Che De Laurentis porti sfiga, sembra un fatto certo, vedendo che fine fanno i ‘traditori’…
Sono certo altrettanto che Mario Sconcerti non ci creda!

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply