ULTIM'ORA

Da Havelange a Blatter: anche il calcio nella P2.

blatter.fifa.2015.dollari.356x237

di Marco Bernardini* – Un altro capitolo della nostra storia si è chiuso con la di Licio Gelli nella sua storica roccaforte di Villa Wanda, luogo deputato a rimanere per sempre il sarcofago delle peggio cose che il nostro Paese abbia dovuto sopportare e subire.
Con la scomparsa del ‘venerabile’ cadranno inevitabilmente nel buco nero dell’irrisolto tutti i più contorti misteri d’ ance se, per alcuni, di misterioso vi è proprio nulla.
Anche il gioco del non si sottrae a questo elenco infinito. Il mondiale, naturalmente, il cui primo padrone assoluto, inventore della parola d’ordine “vai dove ti porta il denaro”, fu il brasiliano Havelange.
Insomma il padre morale, spirituale e ideologico del satanasso svizzero Sepp Blatter.

La liaison tra il defunto “vecchio capo massone e ispiratore della P2” e il defenestrato presidente della Fifa è impressionante. Entrambi “piazzisti” dalla parlantina facile e privi di scrupoli seppero comprare il mondo e cementare il potere con le armi dell’astuzia e del ricatto. Havelange era il loro padre spirituale. E il capolavoro del pallone asservito alla politica, alla finanza e alla dittatura venne realizzato nel 1980 in Uruguay dove si svolse quello che era nato come “Mundialito”. Otto nazionali per un trofeo già assegnato il partenza e il cui esisto scontato era già stato sperimentato 2 anni prima nell’ del dittatore Videla.

Soltanto l’Inghilterra ebbe il coraggio, morale e civile, di chiamarsi fuori da quella vergognosa sceneggiata. L’Olanda, ignorando le proteste di piazza, si presentò a sostituirla. L’ pure, malgrado i forti appelli al boicottaggio di persone come Castagner e Santarini. L’Uruguay era una “squadretta” priva di consistenza. Un nanerottolo in confronto al e all’ di Bearzot. Caddero come birilli tutti gli avversari dei sudamericani, Tardelli e Cabrini ancora oggi ricordano le botte che dovettero subire. La finale fu una comica alla quale, malauguratamente, partecipò anche l’arbitro no Gonnella. La dittatura uruguna sventolava la sua bandiera sulla cima di un Mundialito che, per fortuna, venne poi cancellato.

Fuori dal campo, uno scenario ancora più desolante e molto significativo. La Rai, per la prima volta nella storia, aveva perso l’asta per i diritti della manifestazione. Salvo le gare dell’, il torneo sarebbe stato trasmesso da Canale 5 il cui presidente Fininvest, Berlusconi, possedeva la tessera della P2 numero 1812. La campagna a favore della Rete milanese fu promossa, con ogni mezzo, dalla “rosea” il cui editore e il cui direttore appartenevano anche loro alla Loggia. Per il tempo del Mundialito Licio Gelli e la sua famiglia vissero ospiti in un castello a Montevideo dove venivano dirette le operazioni “sportive”. Il era un optional o, meglio, ancora lo strumento attraverso il quale allacciare rapporti con quei Paesi la cui immagine andava “lavata”. Il tornaconto, per i manovratori massoni, era a dir poco miliardario. Una lezione che Blatter imparò con scrupolo e cura certosini, perfezionandola ancora di più in quanto a malaffare ed estendendola all’o pianeta. Ora Gelli, per palesi motivi, non potrà più dire nulla. L’augurio e che anche Blatter sia stato imbavagliato per sempre. E, soprat, che non abbia eredi.

* da .com