ULTIM'ORA

Crisi Napoli: Sarri cambi gioco, ADL compri campioni!

Sarri-DeLaurentiis-600x343

di Paolo Paoletti - “Il problema del Napoli è nella testa, non nelle gambe”, lo dice Maurizio Sarri. Ma è vero solo in parte.
La orentina ha imposto senza tanto dannarsi lo 0-0 al facendo emergere l’allarme che solo chi capisce di calcio aveva già lanciato un mese fa!

La media punti del Napoli tra campionato e Champions League crolla: 3.00 ad , 2.50 ad ottobre, 1.57 dopo 16 giornate di A e la fase a gironi Champions.
La media gol è peggio: 2.9 a partita nelle prime 11 giornate di campionato, 0,6 con solo 3 reti nelle ultime 5 gare.
E allora…? Solo problemi di testa?

IL BLUFF. Non è così. I numeri anticipano la . Perchè tutto comincia dalla scomparsa del possesso del possesso palla messo sul tavolo da Sarri dopo il ko con la .
Una tesi ridicola, perché non c’è colmento diretto tra pallone nei piedi e come lo si utilizza. Anzi tenerlo e non saper cosa farsene è il vero nodo da sciogliere.
Il problema del Napoli infatti è nel modulo di gioco, o obsoleto e conosciuto a tutti gli avversari, che condito da un calo di forma incredibile, diventa il, mix che spiega il calo azzurro. Più che preoccupante.

‘Eccellere’ in un fondamentale non basta, perché bisogna accusare con la stessa forza le lacune irrisolte ormai al terzo anno di ‘addestramento’. Esempio i 9 gol subiti di testa su 21. Ben 9 volte il Napoli è stato inlato col gioco aereo ed anche con la orentina, Cholito ha avuto 2 palle per segnare in acrobazia. Fallendo per fortuna di Reina, Albiol e Koulibaly.

TIQUI TACA? Il calcio che vince mostra equilibrio e imprevedibilità.
Il dominante di Guardiola, ha dato ampie e signicative lezioni in tale senso.
Ieri ha vinto anche il di Manchester utilizzando al meglio due situazioni sporche nate da palla ferma. Possesso sì – 65% contro il consenziente Mou – ma senza ossessioni.
L’Atletico Madrid, infatti, ha lasciato il pallone al Betis per il 74% del tempo. Poi ha vinto.
L’esaltazione del Cholismo e l’esemplicazione dell’inesistenza di una sola visione vincente.
Si vince in tanti modi, quella più sperimentata in è non prendere gol!

PIANO B. In attesa del Lipsia in Europa League, il Napoli si gioca lo scudetto nei prossimi 2 mesi.
Ma serviranno un invernale di livello ed un nuovo Sarri capace di dare alla squqdra più varianti di gioco e di interpreti.
Altrimenti lo stesso tecnico diverrebbe una prigione di cui liberarsi!
Il gioco monotematico non ha mai vinto, al massimo richiama miti del passato come Sacchi e l’Olanda del grande Michel che però godeva di talenti inarrivabili… da Giovannino Cruiff in poi!