ULTIM'ORA

CR7 resta: nessuno paga, Perez ricuce!

florentino-perez-y-ronaldo

di Carmen Castiglila - Alla fine Cristiano Ronaldo resterà a Madrid. Troppo complicato il distacco, troppo difficili le eventuali trattative, troppo importante la posta in palio. Fatto sta che dallo sfogo privato in cui annunciava il prossimo addio ai merengues alla pace fatta o quasi il passo è stato breve. Sono bastate alcune paterne parole di Florentino Perez e, forse, qualche consiglio dato bene. O forse, anche, il passo indietro del Manchester United, in tà unica squadra in cui CR7 si sarebbe trasferito volentieri.

E poco importa se a Parigi qualcuno si è già fatto la bocca buona. Il , unico e acquirente rimasto, aspetta senza forzare la mano di capire se il malumore possa consigliare un addio al ghese. Ma sono sguardi di sbieco, quasi disattenti, di chi in fondo sa che una trattativa vera e propria non ci sarà mai.

A Madrid l’allarme è dato per rientrato. Così ne parla Marca, principale quotidiano spagnolo, e così dicono un po’ tutti, As compreso. E’ solo una questione di tempo, poi Ronaldo e il torneranno a parlarsi e una soluzione buona per tutti verrà trovata. Florentino Perez ha parlato da uomo di mondo, ha spiegato che “ora per lui è importante la Confederation” e anticipato che, una volta fatte le meritate vacanze, si metterà attorno un tavolo con CR7. Cosa i due si diranno non è troppo difficile immaginarselo: verranno sul piatto i reciproci vantaggi economici – enormi – e i risvolti sportivi. Perché Ronaldo è Ronaldo, ma il è il . E vincere altrove non è poi così scontato.

Ma dicevamo niente United. non lo vuole. Sembra una follia, ma tant’è. Troppi galli nello stesso pollaio, troppi primattori sulla stessa scena. Dove c’è non servono protagonisti ma comparse. Ne sa qualcosa Ibra, scaricato dallo United. E sommato lo sa bene anche Ronaldo, già in difficoltà con il con ai tempi del . E allora non resta che Parigi, non restano che i degli . Molti, moltissimi, ma poi? Poi ci sarebbero un , la Ligue 1, che resta di “a” e una missione quasi impossibile in Champions. Per questo resterà a Madrid. Quasi certamente e quasi certamente per sempre.