ULTIM'ORA

CR7 non basta, 1-1: Max inviperito.

Soccer: Serie A; Juventus-Genoa

di Antonella Lamole - -Genoa 1-1. E alla nona di campionato, la squadra di si addormenta. Così, all’improvviso. Domina il primo tempo, gol di Ronaldo, ma quasi si scorda di giocare la ripresa nella quale concede al Genoa le occasioni di fare gol. Non segna Piatek, ci pensa Bessa. Così dopo otto vittorie, (dieci, Champions compresa) ecco il primo dispiacere. aveva annusato l’aria. Per Juric un ritorno-debutto trionfale.

C’era grande curiosità alla vigilia: fuori Chiellini, fuori Barzagli, fuori Khedira e fuori pure Dybala. A chi la fascia di capitano? Sembrava dovesse toccare a Mario Mandzukic, invece è finita sul braccio di Leonardo Bonucci. Non una novità assoluta, ma pur sempre un segnale molto importante considerando il tormentato viaggio di andata e ritorno da sponda rossonera, esperienza vissuta proprio da capitano. Pace sancita da qualche settimana con i tifosi, questa partita non poteva che essere speciale per lui. Che pure non ha potuto condividere questo onore con la sua Curva, in questa occasione colorata da 9 mila bambini in festa. Ma fascia di capitano o no, anche contro il Genoa bisogna registrare l’ennesimo gol subito dalla Juve in una circostanza che trova Bonucci quale principale protagonista in negativo. Anche sfortunato, va detto: nove volte su dieci quel rinvio finisce lontano dal terreno di gioco. Il black-out seguente, però, non è giustificabile. Considerando anche la recidiva del caso.

TROPPI ERRORI. A conti fatti, Bonucci è costato 35 milioni di euro in questa sessione di . A conti fatti, Bonucci deve fare la differenza. Ma a conti fatti, Bonucci ha già sulla coscienza almeno 4 gol, tutti sinistramente simili: quelli indolori subiti contro (Stepinski), (Gervinho su spizzata di Inglese) e Sassuolo (Babacar). Ora la si è ripetuta, al di là della rocambolesco rilancio poi Bonucci si è di nuovo perso l’uomo sul cross: Bessa gli spunta alle spalle, questa volta la marcatura persa costa due punti. I primi della stagione, in ogni caso pesanti. E allora inevitabilmente bisogna fare delle riflessioni: non è questo il Bonucci che la Juve ha voluto riportare a casa, non è questo il Bonucci che serve. Perché fin qui gli ha sempre e comunque dato fiducia, consegnandogli le chiavi della difesa dopo un anno di lontananza. Doveva rimettere tutto a posto. Una doppia questione di testa: con i tifosi e il popolo bianconero la pace è stata fatta anche prima del previsto, in quel caso è stata usata nel modo giusto da ogni parte in causa. Ma quando la palla spiove a centro area, la testa andrà usata con maggior tempismo: quattro gol subiti su cinque sono arrivati con Bonucci in ritardo, tanti, troppi.

DECISIVI
Bonucci 5. La fascia di capitano gli costa il 5 in pagella, voto alla dormita collettiva sul gol di Bessa. Una beffa che peserà.
Cancelo 7. Ha il senso del gioco. In fase offensiva diventa impagabile. In quella difensiva deve ancora completarsi. Ma è tutto noto.
Ronaldo 7. Cerca la porta costantemente, la trova con un gol di grande astuzia e prontezza. Nella ripresa va a caccia del 2-1, senza fortuna.

Radu 7. Cade sul gol di Ronaldo, con una respinta sbagliata. Poi si fa perdonare.
Bessa 7. Il gol è fa, in totale libertà. Ma dove era Bonucci?
Piatek 6,5. E’ positivo anche quando non segna. Adesso fa .

TABELLINO. -GENOA 1-1
(4-3-3): Szczesny 6; Cancelo 7, Bonucci 5, Benatia 5, Al Sandro 6; Bentancur 6, Pjanic 6.5, Matuidi 5.5 (26′ st Dybala 6); Cuadrado 6 (14′ st Douglas Costa 5.5), Mandzukic 5.5 (36′ st Bernardeschi sv), Ronaldo 7. A disp.: Perin, Pinsoglio, Barzagli, Chiellini, Rugani, De Sciglio, Emre Can, Kean. All. 6
Genoa (3-5-2): Radu 7; Biraschi 6.5, Romero 5.5, Criscito 6.5; Pereira 6 (34′ Gunter sv), Romulo 6, Sandro 6.5, Bessa 7 (37′ st Hiljemark sv), Lazovic 5.5; Kouamè 6.5 (40′ st Pandev), Piatek 6.5. A disp.: Marchetti, Mazzitelli, Lisandro Lopez, Rolon, Lakicevic, Zukanovic, Omeonga, Medeiros, Lapadula. All. Juric 6.5
Arbitro: La Penna
Marcatori: 18′ Ronaldo (J), 23′ st Bessa (G)
Ammoniti: Benatia (J), Romero, Criscito, Pandev (G)

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply