ULTIM'ORA

Coro ‘Vuoto a Perdere’, a Napoli come in tutta Italia!

kouly

di Nino Campa - Da “Oh mamma, mamma, mamma” dedicato a Maradona al “Pmpompero” che accompagnò il Napoli da … fino a “Un giorno all’improvviso”, dedica d’amore per Pipita , poi disconosciuto come nelle migliori passeggere infatuazioni dei !

Napoli continua a cane e oggi lo fa per Mertens, Insigne, e soprattutto grazie al gol di Koulibaly al 90’, che ha riacceso il sogno del cuore.
Questo c ha accolto la squadra di Sarri a Capodichino dopo l’impresa allo Stadium… “Sarò con te, ma tu non devi mollare. Abbiamo un sogno nel cuore, Napoli torna campione”.
Testo originale, non la musica… musica plagio di un brano scritto da Vasco per Noemi chiamato ‘Vuoto a perdere’.

In tà, i del Napoli non sono stati i primi ‘Vuoto a perdere’. I primi a utilizzare il ritornello di Noemi furono i del Siena, stagione 2010-2011, festeggiando la Serie A conquistata da Conte.
Si cantava: “Che bello è, quando esco di casa, per andare allo stadio, per vedere la Robur”.

In poco tempo fece il giro di tutta diventando nella stagione seguente, “Che bello è” inno della del Pescara di Zeman con Verratti, Insigne e Immobile.
Ma poi ancora ritornello di Cremonese, Reggiana, Juve Stabia, Palermo e Bari.

E cantato anche sugli spalti del Palazzo del Ghiaccio di o, dagli ultras dell’Hockey o.

Una melodia per niente originale ma presente in tutti gli stadi in cui si è festeggiato qualcosa.