ULTIM'ORA

Africa: Juve, Napoli, Roma chi perde di più?

url-1

di Paolo Jr Paoletti - In 13 s’assenteranno dal campionato di A e 1 in B. Tutti chiamati dalle rispettive Nazionali per la Coppa d’Africa.

Il 14 gennaio le 16 squadre scenderanno in campo, in Gabon, per ndersi il trofeo vinto nel 2015 dalla Costa d’Avorio.
Tra i protagonisti del campionato no spiccano il nista Salah (Egitto) e il difensore del Napoli Koulibaly (Senegal).

Mai come quest’anno, infatti, le squadre africane hanno pescato in : i 13 convocati, infatti, rappresentano un record se si valutano le ultime edizioni della competizione. Nel 2015, per esempio, furono nove i giocatori chiamati ad affrontare la competizione continentale, mentre nel 2008 furono appena quattro.

ALGERIA. Più di tutte ha attinto dalla : giocheranno con la maglia delle Volpi del deserto Taider (Bologna), Mesbah (Crotone) e Ghoulam (Napoli). Il , invece, ha convocato il centrocampista del , Acquah, e quello dell’Udinese, Badu. Proverrà a difendere il conquistato dalla sua squadra due anni fa, la giovane stella dell’: Kessié è stato chiamato a vestire la maglia arancione degli Elefanti che puntano alla nale del 5 febbraio a Libreville.

Giocherà assieme a Koulibaly anche l’attaccante della Keita Baldé, mentre Molla Wague (Udinese) difenderà i colori del Mali e Gakpé (Genoa) quelli del Togo.
La , inne, vedrà partire Benatia e Lemina: il primo per riconquistare la coppa che in Marocco attendono da 41 anni, il secondo nel Gabon padrone di casa.

Detto dei tredici giocatori di che lasceranno le rispettive squadre per disputare la Coppa d’Africa, non bisogna dimenticare che anche dal campionato cadetto partirà un giocatore alla volta del Gabon: si tratta di Idrissa Camará. L’attaccante dell’Avellino, infatti, è stato chiamato dalla Guinea-Bissau, unica debuttante dell’edizione 2017.