ULTIM'ORA

Conte eroe Blues: batte Mou in campo e fuori!

conte.chelsea.furia.mourinho.manchester.united.2016.17.750x450

di Mary Bridge - Stamford Bridge ha un nuovo eroe, Antonio Conte si è definitivamente preso il cuore dei del . La vittoria contro il Manchester United in FA Cup infatti non è solo l’ennesima di una lunga serie di successi collezionati quest’anno sulla panchina dei Blues, non è solo il passaggio del turno e l’accesso alle semifinali, è soprat uno schiaffo al passato e al ri José Mourinho, odiato e senza nascondere la cosa.

SCINTILLE!. E lo schiaffo rischia di non essere solo metaforico ma di divene cruda realtà, perché i due arrivano a scontrarsi anche sul campo di battaglia preferito da Mourinho: la dialettica spinta, quella fatta di provocazioni e insulti fino al limite del contatto fisico. E anche qui a spunla è Conte: dopo un duro vento di ncia su Marcos il tecnico no si scaglia contro Mou (“Giocate la palla!” grida l’ex ct Azzurro) che reagisce, l’vento del quarto uomo evita che i due arrivino alle mani. Una scena che sembra routine per due allenatore dal carattere fumante, ma non lo è: segna quella che di fatto è la definitiva rottura tra il blico di Stamford Bridge e Mourinho, ormai ex Special One e dimenticato in favore di un Conte sempre più paladino della folla (i cantano a Mou “You’re not Special anymore”, letteralmente “non sei più speciale”).

COME CARLETTO. Non è il 4-0 rifilato in , ma quella contro il Manchester è una vittoria di carattere, non a caso arrivata grazie al gol dell’inesauribile Kanté: uno che quando vede i Red Devils si scatena (2 gol stagionali, entrambi allo United), uno soprat indicato dallo stesso allenatore come suo erede in campo. E’ una vittoria soprat che permette a Conte di continuare l’inseguimento a un grande ex del : primi in classifica e in semifinale di FA Cup, i Blues sono ancora in corsa per realizzare il double, che nella storia del club è riuscito solo a Carlo Ancelotti nel 2009/10. Dopo aver spazzato via Mourinho Antonio prova a cancellare anche il record di Ancelotti: addio Special e Calm, è tutta per Conte, il suo nuovo One.