ULTIM'ORA

Conte accusa l’Uefa: “Interessi superiori”.

C_29_articolo_1020341_lstParagrafi_paragrafo_0_upiImgParOriz

di Antonella Lamole – Antonio è stravolto: “Non commentiamo una partita di . Alla fine del primo tempo ho detto più volte ‘questo non è ’ ma tamburello pericoloso per i calciatori. Noi non ci siamo abituati, cercavamo anche di giocare sul pantano, non ci si può ridurre a giocarsi la qualificazione all’ultima partita”.

Lo sfogo per l’eliminaziione della nasconde 3 :
1. In Europa serve potere di infuenza. L’Italia non lo ha, spagnoli e tedeschi contano molto di più. In altri tempi su un campo così non si sarebbe giocato e la gara rimandata a data da destinarsi, sorteggio o non sorteggio.

2. I diritti elevisivi sono tutto per l’Uefa, per i club, per l’o movimento. Determinano ogni cosa: calendari, arbitraggi, risultati. Solo per la televisione è stata spostata Inghilterra-Italia ai prossimi brasiliani. Solo per la televisione Galatasaray-ntus si è giocata su un pantano pericoloso ed impraticabile mortificando il .

3. Le italiane che vogliono fare strada in Europa hanno bisogno di grandi giocatori abituati a giocare partite da dentro o fuori. Drogba fece fuori il 2 anni fa a Londra con il Chelsea; ha fatto fuori la ntus a Istambul. nonostante l’età è stato il migliore per temperamento, cattiveria, esperienza. Ne il e neanche la grande ha giocatori di questo calibro: decisivi! Tevez e non sono a questi livelli.

Quando è guerra su ogni pallone, vince chi ne ha fatte tante di guerre. lo ammette: “Stavolta è toccato a loro. Abbiamo fatto una riunione con la Uefa prima della partita. Mancini ha detto che era pericoloso per i calciatori, io ho detto lo stesso. Per loro, invece, si poteva giocare, altre gare erano state disputate anche in condizioni peggiori. Al 45′ sono andato a dire a Proença ‘this is not football’, ma si doveva giocare. Vorremmo offrire spettacolo ma al di là del risultato queste gare non dovrebbero essere giocate. Con un campo decente, sono certo che l’epilogo sarebbe stato diverso ma, ribadisco, bravo al Galatasaray che ha lottato come noi e che forse è stato baciato dalla Dea Bendata sia all’andata che al ritorno. Prendiamo questa eliminazione facendone tesoro per l’anno prossimo”.

Potrebbe essere troppo tardi per il italiano. Per fortuna il Benfica è stato eliminato, ma i francesi sono dietro l’angolo del rancking Uefa. In gioco il terzo posto in anche se con spareggio.
La scenderà in Europa League. E le toccherà un avversario duro, visto che con soli 6 punti non rientra nelle migliori 4 eliminate.
però pensa all’immediato: “Recuperiamo energie fisiche e mentali per il Sassuolo. Spostare la gara di sabato? Chiedete a Marotta, non siamo stati facilitati da questo . Non sappiamo neanche se partiamo…

IL riferimento al DG è la condanna del poco peso politico del club… “L’arbitro Proença pretava la volontà del deto Uefa. Parlando con me e Mancini, all’inizio era d’accordo: per lui era molto molto difficile giocare, si metteva a rischio la salute dei calciatori. Era pericoloso ieri, era pericoloso oggi. Si è giocato in virtù di essi superiori. Il mercato senza ? So che non ci sono movimenti in vista, nè se fossimo andati avanti nè ora”.

Passa e chiude, non la manda giù!