ULTIM'ORA

Roma-Napoli, il 18 ore 20.45: paghiamo noi!

Manifestazione_cgil_piazza

di Paolo Paoletti - Solo in Italia va così.
Per il pallone…1. non si possono fare manifestazioni in concomitanza con il campionato (che ormai si gioca quasi tutti i giorni), 2. la Nazionale deve rinunciare a far giocare tutti gli effettivi in ogni partita (De Rossi è tornato a casa per una tendinopatia, Balzaretti resta perchè to), 3. all’estero i Ct si vedono addirittura negati i calciatori: no di Higuain a Sabella, no di Albiol a Del Bosque!

In più due settimane di allarme in Prefettura a Roma, urla e minacce in e Figc.
Tutto per le menate di e la insipienza di Figc e , che non riescono ad imporre che la forza pubblica la paghino i presidenti, cioè gli organizzatori dello spettacolo come in ogni altra manifestazione. Non i cittadini italiani.

Roma-Napoli, partitissima del prossimo turno, è stata anticipata a venerdì 18 ottobre alle 20,45. Lo ha deciso il Prefetto di Roma, dopo aver consultato la e preso atto dell’accordo fra le due società. Col buonsenso di tutti, ovvero lo scomodo di , Argentina e Spagna.

Per deliberare che Roma-Napoli del 19 ottobre, inizio ore 18, non si può disputare a causa di manifestazioni anti-Tav a Roma la ha indicato la data di svolgimento, l’accordo l’hanno trovato Roma e Napoli. Garcia aveva indicato l’idea del venerdì, si è detto d’accordo solo perchè Higuain e Albiol non giocheranno con Argentina e Spagna.

Questione risolta. Al prezzo di isterie e forzature nazionali.
L’Italia è già qualificata per i Mondiali e gioca a Napoli la prossima: quindi impossibile dire di no a . Sabella e Del Bosque altrettanto non hanno problemi di punti e hanno fato finta di niente.
Il rinvio di Roma-Napoli da due settimane ci affligge come neanche e il riescono a fare, con varie ipotesi tutte ‘sbagliate’ o rifiutate dai club: dal rinvio al 18 dicembre che ha sollevato le di Garcia – la Roma sarebbe stata ferma 3 settimane – all’anticipo il venerdì 18 cui s’opponeva il Napoli per il ritorno troppo sotto dei suoi nazionali dal Sudamerica; fino all’inversione del campo (, il 19 ottobre) mai verificatasi in serie A.

Il Prefetto di Roma ha sciolto il “no” alla partita, onde evitare polemiche e tensioni. La ha fatto azione diplomatica. ha proibito le convocazioni di molti suoi giocatori per le gare della Nazionali. Come la Roma che ha ottenuto che lasci libero De Rossi (Balzaretti è to) in Italia-Armenia, martedì 15 ottobre.

Solo così si è risolto il problema ‘tecnico’ di Roma-Napoli all’Olimpico fissata venerdì 18 ore 20.45.
Questa Italia schiava anche del pallone fa ridere!