ULTIM'ORA

Cina, freno al calcio: tasse,calmiere,under!

url-9

di Paolo Jr Paoletti - Nei giorni decisivi tra e Tianjin per Nikola Kalinic e l’arrivo di a Shanghai, la Federcalcio cinese ha approvato 18 norme per lo sviluppo sano e sostenibile dei club cinesi.
La Chinese Football Association ha anche annunciato il tetto salariale simile a quello utilizzato in Nba per calmierare gli ingaggi che stanno attirando campioni da Europa e Sudamerica.

Primo, confermato il ite agli st utilizzabili: non più di 3 contemporaneamente in campo a partire da marzo, erano 5.
Secondo, tassazione speciale per gli che superano certe cifre: il ricavato sarà investito nello sviluppo del settore giovanile, cui comunque ogni club dovrà contribuire destinando al vivaio almeno il 15% annuo delle spese.

Tutte le società del massimo dovranno avere 3 squadre giovanili, dall’Under 15 all’Under 19; confermato l’oligo di 2 under 23 in lista di cui uno titolare.
Recepite le direttive dell’Amministrazione (Ministero) generale dello Sport che aveva annunciato il tetto-ingaggi e alle spese per gli .
Una reamentazione seria che in Italia faree rarividire.

Sulle spese folli dei cinesi è venuto il presidente del Coni Gianni : “Io non sono nessuno per dire che cosa è morale e che cosa non lo è in un fatto da domanda e offerta. Però non serve essere presidente del Coni per dire che ci sono delle cifre e degli ingaggi che onestamente hanno poco senso. Poi è chiaro che se c’è qualcuno che vuole un certo giocatore perché fa parte di un programma che coinvolge, non un bacino di utenza come l’Italia o l’Europa, ma un miliardo e 400 milioni di persone, le dinamiche sono diverse”.