ULTIM'ORA

Ciao Fabrizio, la tivvù perde il conduttore gentlemen!

299aa6f937ef8173d2823d6adcb690ae

di Romana Collina – Addio a un protagonista della televisione italiana: Fabrizio Frizzi è morto la scorsa notte a Roma. A dare l’annuncio è la famiglia del conduttore .

La camera ardente sarà allestita domani, martedì 27 , nella sede Rai di Viale Mazzini 14 dalle ore 10 alle ore 18. I funerali si terranno invece mercoledì 28 alle ore 12 nella Chiesa degli Artisti a Piazza del Popolo.

Il Presidente della Repulica, Sergio Matella, ha inviato ai familiari di Frizzi un messaggio di cordoglio nel quale ricorda “il garbo, la professionalità , la simpatia” del presentatore scomparso.

“Grazie Fabrizio per tutto l’amore che ci hai donato”. Così la moglie Carlotta, il fratello Fabio ed i familiari. Frizzi, 60 anni, si è spento nella notte all’ospedale Sant’Andrea di Roma, in seguito ad una emorragia cerebrale. Il 23 ottobre scorso Fabrizio Frizzi venne colto da un malore, una ischemia, durante la registrazione di una puntata del programma “L’”. Venne ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma dove fu dimesso alcuni giorni dopo. Il conduttore tornò in a dicembre, sempre alla guida del programma di RaiUno. “L’ è una gioia, fa bene anche al sico – scherzò con Vincenzo Mollica annunciando il suo sugli schermi -. L’adrenalina sento che mi aiuta a se meglio”.
Lo scorso 5 feraio ha compiuto 60 anni. Parlando della malattia disse: “Non è ancora nita”. “Se guarirò – sottolineò – racconterò tutto nei dettagli, perché diventerò testimone della ricerca. Ora è la ricerca che mi sta aiutando”.

Frizzi ha condotto nella sua carriera 73 programmi. Ma la trasmissione per cui viene ricordato di più è sicuramente Miss Italia: Fabrizio, infatti è stato il padrone di casa del concorso di bellezza per ben sedici edizioni, dal 1988 al 2002 e dal 2011 al 2012.

Il dolore di Rita Dalla Chiesa: ‘Mancherà a tutti’

“Con Fabrizio se ne va un pezzo di noi, della nostra , del nostro quotidiano”. Così la Rai commenta la notizia. “Non scompare solo un grande artista e uomo di spettacolo, con Fabrizio se ne va un caro amico, una persona che ci ha insegnato l’amore per il lav e per l’essere squadra, sempre attento e rispettoso verso il pulico – si legge in una nota -. Se ne va l’uomo dei sorrisi e degli aracci per tutti. L’interprete straordinario del coraggio e della voglia di vivere. E’ impossibile in questo momento esprimere tutto quello che la scomparsa di Fabrizio suscita in ognuno di noi. Così la Rai tutta, con la presidente Monica Maggioni e il direttore generale Mario Orfeo, può solo stringersi attorno a Carlotta e alla sua famiglia in questo momento di immenso dolore”.

A ricordare con grande affetto Frizzi anche Renato Zero:. “Te ne vai lasciando dietro di te il bell’esempio che sei stato per tutti. Il tuo rassicurante sorriso che spargevi come polvere magica su questi Italiani che non hanno resistito alla tua simpatia, amabilità ed enza. Ma il coraggio sarà la dote tua che si racconterà per sempre”, afferma in un lungo post su Facebook.

“Io personalmente mi sono beato della tua amicizia, discreta ma così meravigliosamente rumsa. Mi ha rassicurato sapere che c’eri, che eri una realtà, in un mondo dove le favole sono state avvelenate dall’ipoa e dalla crudeltà umana – è il ricordo del cantautore -. Il mondo non sarà lo stesso, ma per tanti come me il tuo ricordo sarà come un richiamo costante e necessario per fare sempre meglio ed osare di più”.

“Non ti perderai tra le nuvole perché il tuo papà, che io ho ammirato tanto e al quale ho voluto un gran bene, è già lì a riceverti. Stai sereno che ciò che hai lasciato ci difenderà dagli inverni che dovremo ancora attraversare. Veglia sulla tua bellissima famiglia che lascerà sempre un posto a tavola e non permetterà al tempo di disperdere le tracce del tuo profumo e della tua presenza”, ha scritto ancora Zero che poi ha concluso il suo messaggio così: “Canterò per te e farò in modo che nella mia modestissima rappresentazione tu aia ad essere sempre orgoglioso di me! Ti voglio bene Fabrizio e questo sarà per sempre”.