ULTIM'ORA

Caso Naingolann: minacce alle figlie… Basta, fermate il calcio!

135225966-d6461da7-dbe3-4a80-8c1d-08f9becafb73

di Nina Madonna - Prima il rido all’ e la multa con esclusione contro il . Quindi il retroscena su un’altra notte brava in discoteca e lo scontro con alcuni esponenti della Nord.

Infine il presunto audio circolato sui e quelle parole di rottura “Voglio tornare a , Totti è mio amico”….

Se il Natale di Radja Naingan non è stato dei più sereni, meglio non è andata alla moglie Claudia Lai, attaccata sui dai si nerazzurri.

Minacce alla famiglia del centrocampista belga e insulti che non hanno lasciato indifferente la signora Naingan che, attraverso il proprio profilo Instagram, ha replicato a muso duro a quanti le scrivevano:
“Permettetemi di dire una cosa, considerando tutti gli insulti e le minacce che arrivano sul mio profilo. Io sono Claudia e ciò che mi scrivete lo leggo io e nessun altro. Per quanto riguarda le minacce a me e alle mie figlie è veramente disgustoso. Vi auguro comunque un Buon Natale”.

Un altro capitolo di un caso che invece di sgonfiarsi si gonfia di giorno in giorno, come un’onda destinata a travolgere un rap sempre più complicato tra Naingan, l’ e il suo popolo. Superfluo dire che sulle critiche a ciascuno va dato il diritto di esprimersi, ma quando la diventa minaccia siamo su tutt’altro piano che non può che essere condannato. Lo ha fatto Claudia Lai, senza giri di parole.