ULTIM'ORA

Alta Corte-Cupola: Carraro zitto, del 1998 tutti sanno!

adriano-galliani-franco-carraro-giancarlo-abete_19mthplhgkpsuzqrbvqybipod

di na Collina – La Cassazione ha ‘sorriso’ a Luciano Moggi, Franco Carraro lo sprofonda con riveni choc sull’ex DG e la Juve.
La Reblica, accoglie e divulga le sul 1998: “A differenza del ’98, la Juventus in quei due campionati aveva la squadra più forte e ha vinto sul campo, anche di parecchi punti, e non a causa delle interferenze. Che però ci furono. Ci furono molte cose che non andavano bene”.
1998, l’anno del rigore di Iuliano su Ronaldo in Juve-Inter: “Quello è stato l’unico campionato veramente falsato a favore della Juventus. Ricordate il rigore su Ronaldo?”

Che Carraro dica queste cose è un assurdo! E’ la conferma che Calciopoli, non è iniziata nel 2006 e mai finirà.
Nel 1980 quando le manette scatono addirittura negli stadi, il calcio non è mai stato più lo stesso in Italia. Ogni 10 anni, scoppia uno scandalo: e ammettere che nel 1998 la juventus di Moggi ribò lo scudetto all’Inter è ammettere che la prescrizione della Cassazione sui fatti del 2006 è la vera Cupola del calcio italiano.

La Cupola è in quella camera di consiglio che ha azzerato tutto o quasi del Grande Imo.
Dice carraro: “Le sentenze dicono che la Cupola del calcio c’era e noi dobbiamo se alle sentenze. Ovviamente anche quando dichiarano prescritto un reato. Bisognerebbe tutti avere l’intelligenza di metterci una pietra sopra. Ci sono stati dei comportamenti della società che hanno compromesso quel risultato”.

Perchè si è intelligenti se si dimentica tutto? Carraro fu Commissariato da , è uno che ha ammesso le sue colpe ma andato prosciolto per motivi politici. Ecco la vera Cupola…chi ha imato non ha diritto di parola!!!
Le prove raccolte dai pm nei confronti di Franco Carraro ed Antonio Ghirelli non furono sufficienti per l’accusa di frode sportiva… Questo è quanto emerse dalla sentenza ancora una volta della Cassazione. l’ex Presidente Figc fu salvato proprio dalla Suprema Corte ritenendo “le risultanze delle intercettazioni telefoniche e gli altri elementi indicati dal pm, sminuiscono e contraddicono logicamente il valore indiziario attribuito ai primi, sicchè il giudizio prognostico in ordine alla inidoneità di tali risultanze delle indagini per sostenere l’accusa in dibattimento risulta fondato su un apparato argomentativo congruo e del tutto immune da vizi logici”. Gli elementi che orienono la Corte verso l’assoluzione “i reiterati errori arbitrarli in danno della ; l’insussitenza dell’interesse personale quale possibile causale della frode sportiva in favore del Lotito; il potere di controllo del presidente della Figc sulla regolarità delle attività arbitrali”.

Il controllo della Figc…? Perchè allora dopo il 2006, l’Aia sceglie autonomamente il designatore arbitrale? Prima di allora era la Federcalcio ad avere potere sugli !

Carraro Insiste…”La sentenza nei confronti della Juventus è il frutto di un patteggiamento. Per questo ritengo inopportuno che la Juventus chieda risarcimenti: patteggiare una pena e poi chiedere i danni è il comportamento schizofrenico di uno che voglia avere la moglie ubriaca e la botte piena”.

L’ex Presidente Figc dipinge Moggi: “Di errori ne abbia fatti anche altri, veri e propri pasticci. Ma questo gli è costato più caro di tutti. Si è compiaciuto troppo del proprio potere, gli piaceva essere riconosciuto come Lucky Luciano; quando andava in giro per Torino e usava la sirena sulla macchina. Di solito le persone che sono costrette a farlo, un po’ si vergognano. A lui invece piaceva”.

Moggi aveva dichiarato che la Cupola era Carraro: “Ci tengo a essere chiaro. La mia chiamata per -Brescia va letta insieme a un’altra telefonata in cui esplicitamente affermavo: “Se il Brescia è più forte, che vinca”. Erano giorni in cui sui giornali si parlava dei danni subiti dalla e volevo difendere la Federazione dai sospetti… Lo stesso per Inter-Juve. La mia chiamata era solo il gesto di un presidente federale che sa benissimo che, in quel momento, non si può permettere una partita in cui vengano fatti favori alla Juve”.

Poi il ‘mattone’: “Comunque sono stato assolto da ogni accusa: dal gup di Napoli, dal , dalla magistratura contabile e persino dal del . Mi sono dimesso perché ho fatto degli errori di politica sportiva. La mia presenza avrebbe indebolito l’istituzione e, anche se nessuno me lo chiese, mi dimisi. Delle chiamate però non sono pentito. Facchetti? Una cosa voglio dirla: era una persona per bene, straordinariamente corretta. E la rene di sul suo operato non mi è piaciuta affatto”.

Carraro, infine, chiosa sulla Juve… “Se ci fossero stati l’Avvocato Gianni e il Dottore Umberto , Calciopoli sarebbe stata altro. Ma solo perché la Juventus avrebbe reagito con altro piglio e altro stile. Non perché avrebbero impedito all’indagine di fare il suo corso. L’indagine è stata fatta in maniera autonoma e in buona fede. La Juventus, anzi l’intero gruppo ha sbandato, come del resto è normale per un qualunque gruppo perda due grandi leader a distanza così ravvicinata”.