ULTIM'ORA

Carlo: felice di tutto, su Mertens non era rigore!

EAE46C55-0F76-4058-BA36-DF12A0B9A2B7-800x420

di Nino Campa – Carlo Ancelotti alla vigilia della Juve parla di tutto: dalle condizioni di Lozano e Milik, ad Orsato. Ok a Llorente e l’ammissione di simulazione di Mertens a .

“Juve- è un test indicativo, perché l’obiettivo è mostrare di essere competitivi contro una squadra favorita per la finale, quindi è importante. Le sensazioni sono buone, poi parlerà il campo. Giocarla alla seconda rende tutto più relativo, poi le squadre non stanno ancora bene. Di certo possiamo e vogliamo dimostrare di essere competitivi”.

OK I TRE NANI. “Stiamo facendo molto bene la costruzione da dietro così gli attaccanti possono sfrute il gioco in velocità e lo dimostrano le prestazioni dei tre avanti”.

LO UM E SARRI. “Non mi aspetto nulla. Se gli insulti dovessero ripetersi vivremo lo stesso, non è un problema. Sarei felice di incontrare Sarri e sapere che sta bene, poi per altri discorsi ci sarà sicuramente un’altra occasione”.

CR7. “L’ultima volta che l’ho sentito era quando è venuto a . Servirà una partita completa contro la Juve, ci vogliono 11 protagonisti”.

SU
MILIK E GHOULAM – “Arckadius non è convocato, non è disponibile. Contiamo di recuperarlo dopo la sosta. Ghoulam era già pronto a , è in ottima condizione”.

LOZANO. “Sta bene, ha cominciato presto la preparazione quindi è in buone condizioni. È pronto per giocare. Pronto ad imparare cose nuove Sicuramente è un ottimo atteggiamento in ogni caso, l’ho voluto e la società mi ha acntato”.

ORSATO. “Ci sono molti importanti, ne è stato designato uno che ha esperienza internazionale e per noi va bene”.

CRESCITA… “La qualità, il gruppo ne ha e ne abbiamo aggiunta altra con i nuovi arrivi. Con il lav possiamo alzare anche quella del collettivo”.

A FIORENZE. “Mi è rimasto il bel sapore della su un campo ostico, nonostante le difficoltà evidenziate dai tre gol subiti. Uno l’abbiamo preso per un rigore che non esiste, un altro su un calcio d’angolo su cui eravamo impreparati. Gli errori sono stati collettivi, non abbiamo difeso bene tutti. Non si può impue qualcosa ai singoli”.

I RIGORI. “Non era fallo quello di Zielinski, con la stessa onestà dico che il rigore su Mertens non c’era”.

NUOVE . “Penso che le cose si siano complicate un po’, si cerca di rendere il fallo di mano il più oggettivo possibile ma poi nascono situazioni che sono comunque solo a discrezione dell’arbitro. Spero si faccia un passo indietro altrimenti diventa complicato anche per l. Ci sono stati diversi casi dubbi, come quelli di Udine e Cagliari. Non si può sale come un birillo, le braccia si aprono sempre un po’. Credo che debba rimanere soggettiva la decisione, non si può catalogare. Le braccia si usano nel calcio, il contatto è lecito”.

LLORENTE – “Le sue caratteristiche le conoscono tutti, aumenterebbe la qualità in squadra. Se arriva sarei molto nto. Io devo pensare ad altro. Icardi? Nessun rimpianto. Il mercato mi ha soddisfatto? Al momento le cose sono andate per il meglio, siamo nti e speriamo di essere ntissimi. Il mercato è stato fatto bene, non abbiamo forzato giocatori ad uscire, qualcuno ha chiesto di giocare di più e gli è stato concesso di rese. La rosa sarà questa e con questi lotteremo in tutte le competizioni”.

DRAMMA LUIS ENRIQUE. “C’è poco da dire, se non dimostrare la vinza per quello che si può ad un col che ha vissuto un’enorme tragedia”.

Devi essere iscritto per commentare

Login

Leave a Reply