ULTIM'ORA

Careca e la Ma.Gi.Ca… “Napoli fu un sogno per Diego e i tifosi!”

giordano.careca.maradona.napoli.750x450

Antonio Careca, grande attaccante del , lancia la marcia di avvimento al 10 maggio 1987, primo del e presupposto della Ma.Gi.Ca. “Giocare con era un sogno, una volta ne parlai con lui. , dunque, era per me un sogno. All’inizio il cambiamento è stato difficile, i si erano pazzi per i giocatori, non potevamo uscire per strada, per noi era un lav, andavamo a Soccavo per fare e poi tornavamo, non potevamo neppure accompagnare i figli a casa, avevo i si sotto casa per l’autografo”. Su aggiunge: “ lavorava ogni giorno in palestra, ma con la squadra lavorava massimo due volte a settimana, il suo contratto prevedeva solo di giocare la domenica, bastava per far bene”. Infine, sullo vinto al : “Uno vinto a come dieci altrove perché è molto più sofferto. Stoccarda? C’erano oltre trenta mila , non so come ci arrivarono. Io avevo 40 di febbre ma Ferlaino mi disse di giocare e basta, ma non potevo mandarlo a quel paese”.