ULTIM'ORA

Caos Juve: Buffon-Evrà frustano. Smentita la Gazza!

buffon-juve-serie-a-europa-638x425

di Antonella Lamole – La Juventus smentisce la Gazzetta dello Sport, dovrebbe invece mettere in riga tutta la squadra ‘frustata’ ancora una volta da Buffon come racconta la Gazza.

Allegri è fuorioso: rompe l’allenamento per sapere perchè Dybala gioca a basket invece di essere in terapia e accusa lo staff medico di disorganizzazione!

In classifica c’è ancora margine su e , ma la Juve così non va ed è difficile intravedere soluzioni.
Il gioco non c’è, a metà campo Pjanic non è riuscito a inserirsi, il pari col Lione tiene in ballo la Champions, c’è maore anche nello spogliatoio…

Gigi Buffon dopo l’1-1 con i francesi costato il primo posto nel girone, si è scagoiato contro tutti:

La Gazza scrive: “Ragazzi, così non si va da nessuna parte. In vinciamo perché gli altri si scansano, ma in non succede e non succederà. Le uniche due che non si sono scansate in ci hanno battuto. Serve più personalità, più grinta, più voglia di aiutarsi, altrimenti ci complicheremo la vita in campionato e soffriremo in Champions”.

La Juventus con una comunicato ufficiale ha smentito la ricostruzione…
“Dopo verifiche ne si comunica che quanto scrive oggi la Gazzetta dello Sport nell’articolo dal titolo: “E Buffon alza di nuovo la voce…” è falso e ha l’unico obiettivo di aentare un pregiudizio denigratorio nei confronti della Juventus, dei suoi tesserati e dei suoi si”.

Il nocciolo della questione non cambia: Buffon era già venuto a scaldare i compagni un mese fa, è più che verosimile che lo abbia fatot di nuovo e più intensamente dopo il Lione, avendo subito l’ennesimo assurdo e ancora una volta su palla inattiva.
Evra che in un’vista a ha detto che qualcosa che non va a livello ambientale, conferma il malessere.

Buffon e Evra sferzarono lo spogliatoio come dopo la sconfitta con il Sassuolo lo scorso anno. La differenza è che oggi la >Juve è prima in classifica e non al 14°posto. Dopo lo sfogo durissimo di Gigi cambiò e arrivò il 5° consecutivo.

Evrà si rivolge ai si cher hanno sonoramente fischiato alla fine del Lione: “Una squadra così forte non si costruisce in tre mesi, dunque chiedo ai si di sostenerci ogni giorno e giudicarci alla fine, quando ne sono sicuro potranno festeggiare insieme a noi. Abbiamo tanti giocatori nuovi e in molti devono ancora abituarsi pienamente allo stile Juve, e a ciò che ti viene richiesto quando indossi questa maglia. So cosa significa la pressione, l’ho vissuta già a Manchester. Anche io ci ho messo un po’ ad adattarmi, appena sono arrivato. Come dice Allegri non si vincono il campionato o la Champions oggi o domani. Si può migliorare e anche dopo una vittoria in allenamento lavoriamo sempre su ciò che non è andato cercando di fare ancora meglio”.

Ma Evrà ha anche detto che se non sarà così sarebbe un falento.