ULTIM'ORA

Boss Graviano: Berlusconi mi chiese una cortesia…

Stato-mafia: Graviano, Berlusconi ha tradito

ANSA - “Berlusca mi ha chiesto questa cortesia… per questo c’è stata l’urgenza. Lui voleva scendere… però in quel periodo c’erano i vecchi e lui mi ha detto ci vorree una bella cosa”. Sono stralci di una conversazione tra il boss Giuseppe Graviano e un co-detenuto con cui il capoma trascorreva l’ora d’aria nel carcere di Ascoli Piceno.
L’intercettazione è depositata agli atti del trattativa Stato-ma.

“Poi nel ’93 ci sono state altre stragi ma no che era la ma, l dicono che era la ma. Allora il ha deciso di allene il 41 bis, poi è la situazione che hanno levato pure i 450″, dice ancora il boss intercettato, alludendo alla decisione, presa nel novembre del ’93, di revocare il carcere duro per 450 maosi.

“Berlus quando ha iniziato negli anni ’70 ha iniziato con i piedi giusti, mettiamoci la fortuna che si è ritrovato ad essere quello che è. Quando lui si è ritrovato un partito così nel ’94 si è ubriacato e ha detto ‘Non posso dividere quello che ho con chi mi ha aiutato’. Pigliò le distanze e ha fatto il traditore”.

“Tu lo sai che mi sono fatto 24 anni, ho la famiglia distrutta … alle buttane glieli dà i ogni mese. Io ti ho aspettato no adesso … e tu mi stai facendo morire in galera senza che io aia fatto niente”, dice ancora il boss che, inveisce, secondo i pm di Palermo, contro Silvio Berlus. “Ti ho portato benessere, 24 anni fa mi arrestano e tu cominci a pugnalarmi”, aggiunge sfogandosi con un altro detenuto.

Ghedini, no contatti tra Cav e Graviano – “Dalle intercettazioni ambientali di Giuseppe Graviano, depositate dalla Procura di Palermo, composte da migli di pagine, corrispondenti a centin di ore di captazioni, vengono enucleate poche parole decontestualizzate che si riferireero asseritamente a Berlus. Tale interpretazione è destituita di ogni fondamento non avendo mai avuto alcun contatto il Presidente Berlus né diretto né indiretto con il signor Graviano”.

Lo afferma in una nota l’avvocato Niccolò Ghedini re di .