ULTIM'ORA

Bestemmia Sarri: DeLa si rimangia il Napoli europeo!

image-1

di Paolo Paoletti - E’ Sarri. L’accordo prevede circa 1,5 milioni di euro per una stagione, con opzione per la successiva a favore del Napoli. Sarri a guadagnava 300.000 euro, tanto basta per capire tutto!

Una bestemmia. Non per il tecnico napoletano che ha sbalordito con il suo nell’ultima . Per , il più bugiardo presidente della storia del Napoli.

In una notte al Vesuvio passata in buona parte a discutere con Sarri è finita l’nazionalizzazione, il Grande Progetto, il Napoli che tremare il mondo fa.

Accadde anche con Santin per l’inesperienza di Antonio Juliano che chiamò a Napoli il tecnico che aveva sbalordito in serie B con la Cavese, mettendo sotto perfino il Milan.
Napoli non è Cava de Tirreni, il è uno dei luoghi più difficili dove proporre .
L’arroganza di non ha limiti e Napoli non può permettere di essere trattata così!

L’incontro di stanotte è stato positivo? Oggi altro summit per i dettagli e la firma di un biennale?
Sarri ha meritato di avere una possibilità di alto livello, non meriterà di essere stritolato dalla cecità di un cine-presidente che balla tra i parafulmini nazionali alla Benitez e gli umili tuttofare di provincia che sanno cos’è il , l’importante e che sia a misura delle proprie esperienze.

Calcisticamente Napoli è metropoli assoluta che si tiene con le pinze…
Ha vinto per 7 anni, precedentemente ci aveva provato senza fortuna. Servirono Maradona e Allodi per trovare la strada.
non ha ancora capito niente di come si fa e come lo si deve fare a Napoli. Sono passati 10 anni, inutilmente.
Anzi solo per gli essi di questo signore che si paga lo stipendio più altro della – 10 milioni lordi l’anno – e offre l’allentore meno pagato del campionato. Una !

Attenzione Sarri non va giudicato per ciò che ha fatto ad , come nuovo allenatore deve avere tempo e modi per esprimersi. Dopo fra parte del gioco raccogliere applausi o critiche. Il bello è che non è giusto che Sarri, eventualmente, venga stritolato.
La colpa come i meriti saranno di chi lo ha scelto.

Di certo l’equazione accusa: se Benitez sta al Real Madrid, Sarri non sta al Napoli.
Perchè?
Perchè Berlusconi poteva e si prese il lusso di scegliere Sacchi, poi Capello mandato in giro per il mondo a studiare e prepararsi, Ancelotti allenatotre già in campo. Esordienti ad alto livello protetti da una società forte, completa, modello, moderna. Che ha fatto scuola al no per almeno 10 anni.
pensa di sapere tutto e non ha imparato niente, se non gli epipeti propri della sottocultura di affaristi megalomani.
Questa è l’ingiustizia che avvolge l’arrivo di Sarri. Se non cambia idea.

Non cambierà perchè paga poco e questa scelta gli permetterà di fare una squadra a misura del nuovo tecnico. Un migliore in qualità, vedremo se in mentalità.
Sarri dice: “chi e bravo e bravo ovunque e sempre”. Anticipa: “non controllo i giocatori perchè dal primo giorno sanno che chi non va a mille non gioca”. Tutto giusto, teoricamente.
Teoricamnte perchè Napoli cambia tutto, e per quanto si possa raccontare bisogna provarlo.
Ci hanno lasciato le penne in tanti a Napoli: gente di polso come Vinicio e , innumerevoli non hanno lasciato un segno.
Servirebbe la paraculaggine di Pesaola – pace all’anima sua – il coraggio di Vinicio, la scaltrezza di , anche la calma di Marchesi.

Tra e Sarri si parla di un accordo biennale.
Un fulmine a ciel sereno, esploso da Amalfi, da dove il tecnico rientrava premiato come rivelazione del campionato.
Una telefonata ha creato il contatto, l’appuntamento, l’incontro. I due si sono visti, ‘conosciuti’, parlati, concludendo che il matrimonio si può fare.

Per l’ tecnico dell’ è toccare il cielo con un dito.
Alle 12 si dice che Sarri abbia firmato, comincia un’altra storia.
Chiudendo la farsa Benitez, per aprirne un’altra.

Quella dell’uomo solo al comando, finalmente senza parafulmine!
Sarri non lo indidio, povera Napoli!!!