ULTIM'ORA

Benitez parla chiaro: ora 3 acquisti seri!

C_29_articolo_1020381_upiImgPrincipaleOriz

di Paolo Paoletti - Quando Panucci ha riferito che aveva annunciato “acquisti mirati” a è venuto da ridere!
E’ questa la morale di -Arsenal 2-0 ed eliminazione dalla .

Cosa è mancato?
cominci ad essere chiaro: “Due, tre giocatori di qualità e di una certa età. Non si può vincere qualcosa ogni 25 anni, chi è secondo, terzo in classifica ha possibilità di vincere. Per farlo servono giocatori importanti che restino 3 anni”.

Finalmente è con le spalle al muro. Non è una coincidenza che si sia ‘aperto’ proprio nella serata più amara della stagione.
Lo spagnolo ha già spiegato al cinepresidente che lui non ci sta a guardare gli altri vincere. Vuole provarci in che ritiene più abbordabile del campionato…”perchè in Italia ci sono sempre 7-8 giocatori dietro la linea della palla ed è molto più difficile giocare”.

Ha più vinto il o più perso l’Arsenal nell’ultima notte dell’Europa che conta?
Il ha fatto il massimo, l’Arsenal neanche il minimo: arrendevole, impaurito, pago anche di una sconfitta col minimo scarto.
“E’ mancato segnare prima – ammette – poi a cinque minuti dalla fine abbiamo pensato che poteva andare fuori il Bo che pareggiava a Marsiglia”.

Non è stato così, anche perchè la squadra di Klopp ha gettato al vento almeno 5 palle , venendo a capo di partita e classifica del girone solo negli ultimi 3 minuti.
Il Bo passa primo, poi Arsenal, terzo il nella classifica avulsa tra le 3 finite tutte a 12 punti.
Non è bastato battere tedeschi ed inglesi a Fuorigrotta, il paga i buchi che non ha voluto colmare a giugno.

Che significa acquisti mirati?
ha risposto chiaro, vuole 3 giocatori: 1 difensore, 1 centrocampista, 1 esterno di valore. Giocatori importanti che guadagnino 4-5 milioni netti, cioè capaci di garantire sempre il miglior chiunque giochi.

Il cinepresidente spenderà altri 60 milioni tra cartellini e stipendi?
Difficile, impossibile come era ed è stata la qualificazione in Champions. Scaltro come una zoccola di porto, ha garantito esse anche economico per l’Eurppa League. Ma i hanno già capito, saranno ancora lacrime e sangue napoletano ai botteghini.

Chi vuol, esser lieto sia, del doman non v’è certezza!

I VOTI.
Higuain 7. Si muove come un dannato ma l’occasione buona non arriva. Poi riceve un pallone al limite spalle alla porta e realizza con un colpo da maestro. Inutile.
Callejon 6,5. Il a gara chiusa è la ciliegina di una buona gara. Qualità e quantità, è l’uomo a tutto campo.
Mertens 6. Un lancio al bacio per Pandev che non sfrutta. Buon lavoro in copertura.
Rel 6. Riscatta la brutta prova contro l’Udinese. Tempi giusti in uscita e sul tiro di Giroud nel primo tempo.
Maggio 5. Prestazione opaca. A differenza di Armero, non spinge mai in avanti, limitandosi alla fase difensiva. Ha sui piedi un’ottima occasione ma sparacchia alto.

Mertesacker 6. Due salvataggi provvidenziali su Armero. Nella ripresa sbanda con tutta la difesa.
Szczesny 5,5. Rischia il linciaggio dei compagni con un rinvio horror ma il Pipita non ci crede.

TABELLINO. -ARSENAL 2-0
(4-3-2-1): Rel; Maggio, Fernandez, Albiol, Armero; Beh, Dzemaili; Mertens, Pandev (12′ st Insigne), Callejon; Higuain. A disposizione: Colombo, Cannavaro, Britos, Inler, Radosevic, Duvan. All.: .
Arsenal (4-2-3-1): Szczesny; Jenkinson, Mertesacker, Koscielny, Gibbs; Arteta, Flamini; Rosicky (29′ st Monreal), Ozil, Cazorla (22′ st Ramsey); Giroud. A disposizione: Fabianski, Vermaelen, Walcott, Wilshere, Bendtner. All.: Wenger.
Arbitro: Kassai (UNG)
Marcatori: 28′ st Higuain, 45′ st Callejon
Ammoniti: Mertens, Dzemaili, Fernandez (N), Giroud, Ramsey (A)
Espulsi: 31′ st Arteta (A) per doppia ammonizione