ULTIM'ORA

Rafa-Aurelio, chi mente di più? Tre mesi… follie.

De-Laurentiis-e-Benitez-532x330

di Paolo Paoletti - Tre mesi, cosa dobbiamo aspettare caro Rafa?
Un Napoli che vuole competere non può attendere aprile per sapere chi sarà l’allenatore dell’anno prossimo.
E De Laurentis si fa complice di Benitez nell’attesa: quale tecnico di spessore e garanzia può attendere aprile per decidere dove allenare?
Klopp, Spalletti, Leonardo, Mihajlovic, Montella, chiedete a tutti loro, quando si decide come fare la squadra…

Benitez dice: “Ho tantissimo rispetto per la città di Napoli e la società. Parlo ogni giorno con e De Laurentis per andare avanti. Tra tre mesi parleremo del mio , ma il dialogo è frequente. Dobbiamo aspettare”.
Non dice cosa e perchè!

Sul campionato: “Sono nto, possiamo migliorare. più Zapata? Diventiamo più pericolosi, ma perdiamo il controllo del centrocampo”.
Il mercato: “Nnon sarà fa prendere giocatori migliori dei nostri, sta dimistrando le sue capacità…”
Quali se Brozovic ha detto no al Napoli per l’Inter?

Benitez parla come se fosse alla vigilia dell’addio… “Mi manca vedere ancora qualcosa di Napoli. Darò il massimo ogni giorno per migliorare il Napoli. Non ci fermiamo, lavoriamo sempre per crescere”.

Lo : “Un amico mi ha scritto una mail dagli Stati Uniti sugli stadi italiani. Aurelio ha visto tanti stadi e tante società e sa qual è la strada giusta. Sarebbe importante anche per i calciatori che possono arrivare”.
Nodo nevralgico per la permanenza del tecnico spagnolo, il San Paolo è diventato una farsa: qualche restyling si può realizzare senza soldi?
Nella cena a , De Laurentis ha ‘inventato’ un progetto che non c’è: via la pista di , riapertura della curva chiusa, bagni e seggiolini nuovi. Magari un tabellone luminoso…
Ma la cosa più importante detta al Sindaco è che i soldi non ci sono. Li sta cercando….una farsa!

Benitez fa finta di niente e tira dritto per la sua strada: “Sono il primo che mira alto. Siamo in crescita, non ci acntiamo ed è questa la chiave per far meglio. Dobbiamo capire dove poter arrivare, ma senza troppa pressione. Quando la squadra non fa bene i primi ad arrabbiarsi sono i calciatori”.
Dobbiamo capire…? C’è ancora da capire dove può arrivare il Napoli? Se non è una presa in giro questa…
Benitez è stato preso per gare garanzie, non esprimere dubbi e attese.
La verità è che garanzie lui per primo non ne ha avute. GLi fu detto che Castelvolturno era di proprietà…che sarebbero arrivati 2 top player l’anno, De Laurentis stesso si giocò la parola annunciando la squadra , mai voluta, mai pensata.
Solo per questo Benitez non va considerato primo responsabile. Competere significa essere nel giro di 3 punti dal primo posto è cosi in , in Spagna, ovunque nei migliori campionati europei.

La mediocrità della , avrebbe voluto ben altre scelte di mercato. IL tutto per tutto per vincere, non Strinic e Gabbiadini a gennaio.
De Laurentis iniste nel dire: Benitez capisca che non posso prendere 2 centrocampisti di prima fascia. Allora perchè Benitez?
La rispsta è una sola: dopo il no di Mazzarri, serviva un parafulmine. Benitez lo è stato, chi sarà il prossimo?