ULTIM'ORA

Lezione Rafa: non cambio modulo, come i giocatori!

rafa-lezione-ai-giornalisti

di Nino Campa - Il pari della Roma con l’Inter è l’ennesima occasione per il di accorciare il ritardo! Che dopo l’Europa League? Il Livorno sulla carta non può essere un problema, ma il campo dice che spesso la squadra di ha sprecato punti. ti e Albiol, toccherà a Pandev e Britos: “Perdere Gonzalo è importante, ma Pandev, Callejon o Duvan hanno la mia fiducia”.
Poi una piccola autocritica: “La squadra ha equio, attacca e difende bene. Trovo difficoltà a dare solidità ai reparti”.

Poi lezione di logica ai giornalisti: “se si prova a passare dove c’è traffico cosa accade? Bisogna trovare altre vie. Se la strada più dritta è intasata, bisogna cercare alternative…”. Trionfo di lapalisse, ma dai giornalisti nemmeno una parola!

A Livorno è l’800esima panchina del tecnico spagnolo che il guru Fergusson ha definito l’allenatore più fortunati della
“Sono vecchio. La finale di Champions e lo col Valencia, la mia prima promozione le cose migliori. Su tutto la vittoria della Champions: resta la finale più emozionante della storia”.

aveva scommesso su 2 grandi colpi a gennaio: sono arrivati giocatori mediocri. Henrique…
“Ha bisogno di tempo, arriva da un altro campionato. La nostra fortuna è che i nostri preparatori atletici lavorano benissimo e coloro che giocano di meno si allenano sempre bene per farsi trovare pronti”.

Zuniga quando rientra?
“Ha un problema al ginocchio, il suo ginocchio è sempre un mistero. Ha voglia di giocare, ma appena sembra essere pronto ecco che il problema si ripresenta. Dobbiamo aspettare”.

Ancora turnover, stavolta forzato…
“Tanti giocatori stanno giocando tanto. Maggio ha giocato dieci partite di fila, Albiol lo stesso. Se qualcuno sta facendo bene ed un altro giocatore non è del suo stesso livello, allora si può continuare. Dopo tre-quattro partite il livello si abbassa, ma dipende dal ruolo. Il centrale può giocare, l’esterno invece deve essere cambiato”.

A Livorno chi la prima punta?
“Zapata deve giocare, migliorerà solo così. Con non è facile. Pandev ha fatto bene da centravanti. Con Hamsik è più difficile per Goran e anche Callejon può giocare di punta. però è un altro giocatore. A Marsiglia fece un grande , in allenamento li fa ancora, gli manca continuità. In queste gare, se non facciamo subito, è difficile”.

Cosa manca al
“Io posso cambiare qualcosa, ma i giocatori hanno le proprie caratteristiche. Quando si giocano troppe partite a settimana non è semplice. Devo dare al giocatore l’idea di ciò che deve fare in campo”.

Gli , semore al centro di polemiche. Sono decisivi?
“Non si dovrebbe parlarne tanto. Se chiediamo ad ogni allenatore episodi contro di loro, tutti diranno tanti episodi. Altrove è lo stesso. Per l’arbitro è difficile, lo è anche per noi quando amo il nostro cinque contro cinque…”.

Capitolo infortuni.
“Non è stata una stagione facile. La rosa, dopo gennaio, è più forte. Possiamo cambiare spesso i giocatori. Preferisco giocare tante partite, lo preferisco a guardare la di giovedì”.

La mentalità è giusta?
“Con la Roma, gara spettacolare. La squadra ha equio, attacca e difende bene. Non possiamo aspettarci dai nostri attaccanti che faranno la fase difensiva come i giocatori che hanno meno qualità. Il loro punto di forza è attaccare. La mia difficoltà è trovare solidità tra difesa e attacco. Posso dirlo in ogni allenamento, ma alla fine è normale che gli attaccanti guardino avanti. Contro lo Swansea loro si difendevano e noi facevamo girare la palla. Dobbiamo imparare a controllare le partite. Dobbiamo essere pazienti in certe gare, al di là del pubblico e della stampa”.

Condizione della squadra
“Parlando con amici mi hanno detto che hanno visto dei miglioramenti della squadra, sia in fase offensiva che difensiva. Siamo una squadra giovane, abbiamo bisogno di tempo”.

Tattica e moduli
“E’ molto importante affrontare squadre di un campionato diverso e capire la differenza nel ritmo di gioco. E’ positivo per crescere. Moduli? Lo Swansea gioca col 4-2-3-1 e lo fa benissimo. Voglio mandare un messaggio nuovo di una società che cresce e offre un offensivo. Il modulo non deve cambiare, le squadre di vertice non hanno cambiato modulo”.

Livorno-.
“Non solo il risultato. La gara con lo Swansea non è stata facile, contro il Genoa abbiamo disputato un buon primo tempo. Continueremo sulla nostra strada, c’è fiducia. E’ gara importante sia per loro che per noi. Dobbiamo iniziare forte e avere il controllo della gara”.

Amen!