ULTIM'ORA

Benitez: buon viso e cattivo gioco, senza soluzioni.

Benitez_Dimaro-620x350

di Paolo Paoletti - Callejon dice che resta per lo scudetto, Benitez non nomina nemmeno la parola: dov’è la verità?

Il 3-1 contro i Koloni greci è stata una mezza figuraccia: primo tempo vinto con la doppietta dello sto in e secondo perso perchè Inler contonua a fare la bella statuina in aera di rigore.
Questi risultati non contano, mai. Nè contro ‘contadinotti’ ellenici nè con chichessia…
Conta però l’attitudine, l’impostazione, le scelte strategie del tecnico. La fase di ritiro ad alta quota, porta con sè problemi che non hanno soluzioni.

1. Il portiere, Reina è perdita decisiva. Rel è tutto da scoprire.
2. La difesa con Koulibaly ha guadagnato in stazza, perso in dinamicità. La brutta copia di Britos e Fernandez.
3. Il centrocampo è una rovina: Inler inguardabile, Hamisk indecifrabile. Il ‘capitano’ ha perso completamente identità: non tira, non segna neanche in partitina, si propone regista a tutto campo che non copre e rallenta il gioco con scelte sempre didascaliche. E’ stato rovinato dalle 3 mezzepunte di Benitez: marel faceva la differenza per gli inserimenti a sorpresa in contropiede che lo schema dello spagnolo ha cancellato.
4. In attacco Benitez si gioca tutto: se Callejon non ripete i 20 gol e avrà ancore tossine , saranno guai nerissimi.

Hamsik va ceduto, ma chi lo prende per ricostruirlo?

Andiamo male: tra Berhami, Dzemaili, Insigne, Calleion, Rel di veleno basta e avanza. Mai visto che un allenatore di grido come R Benitez si veda lanciare in faccia una pettorina. Oppure che sia costretto a mandare sotto la doccia uno degli uomini di punta della stagione.

Callejon lo vuole il : Mou e stipendio triplicato! Se non ci fosse stato di mezzo l’affare si sarebbe fatto. Lo spagnolo non l’ha digerita, aspetta l’aumento e Quillon, manager di giocatore e tecnico azzurri, è in imbarazzo ad ammettere che è una occasione sfumata.

Anche perchè dopo ciò che hanno fatto e stanno ancora facendo , Juve e Inter pensare allo scudetto sembra una eresia.
Molto dipenderà dalla doppia sfida tra 19 e 26 agosto, il preinare di Champions sarà già decisivo…

Ganalons e Kramer hanno prodotto le ennesima figuracce, e Bigon sul groppone ben 20 giocatori da vendere. Non li vuole nessuno: Fideleff e Donadel sono stati un quando li hai presi, una truffa oggi a darli. Behrami e Dzemaili scalpitano in attesa di sistemazione. Il centrocampo è ancora da invene se Inler si è ripresentato peggio di come è partito per il Mondiale.

I nomi in giro fanno ridere, Marouane Fellaini s’accontenterebbe di 3.8 milioni di stipendio da 4.5: da piangere. E’ in uscita a 25 milioni, ne costò 32; non va via in prestito e non fa al caso del Napoli.

Il Napoli fa filtrare e poi smentisce incontri e passi concreti, poveri tifosi, il Napoli è questo qui?
Non di peggio: 15 euro il prezzo del biglietto sul campetto di Dimaro per la seconda stagionale; 2 euro addirittura per una foto con la Coppa Italia. Accattonaggio puro, vero De Laurentis?

Barcellona e Psg sono amichevoli per quattrini già incassati, non è il mondo migliore per arrivare al 19 agosto: sarebbero vittorie false o sconfitte psicologicamente pesanti. Partite da baraccone da evie, ma tant’è.

Benitez fa buon viso a cattivo gioco, in parola con la federazione spagnola è stato fregato da Del Bosque: resterà fino al 2016, il Napoli gli scalderà la panchina.
Non i tifosi che aspettano tutti al varco.
Kim Basinger…? Napoli è abituata al meglio, ne riparliamo tra 9 settimane e mezzo. Con il calendario studiato per lanciare il Napoli, a metà ottobre sapremo già molto, se non tutto!